19 aprile 2014

L'OPERA VIVA di Sergio De Santis, in libreria dal 22 aprile

Titolo: L'opera viva
Autore: Sergio De Santis
Editore: Mondadori
Pagine: 156
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 18,00 €
 

  
Per Leo, che ama il mare, vivere è una continua, incerta navigazione. A trentacinque anni sente di avere poche sicurezze e troppe rotte da correggere: la sua e quelle dei suoi alunni. Insegnante alle scuole superiori, ogni santo giorno cerca di condurre in porto sana e salva una classe che a volte gli sembra una flottiglia di zattere improvvisate, destinate a perdersi nella tempesta del proprio tempo. In gergo marinaresco, Leo lo sa bene, l'opera viva è la parte sommersa di un'imbarcazione, quella che lavora con l'acqua per generare il moto, mentre l'opera morta, la parte visibile, è solo il guscio esterno. Ed è convinto che anche nelle persone sia la parte sommersa quella decisiva.
Come ogni marinaio, Leo incontra una sirena incantatrice, ma per fortuna – così sostiene lui – riesce a tapparsi le orecchie in tempo. Anche se ha una patente nautica per andare ovunque, preferisce navigare a vista, senza mai lasciarsi troppo andare. Sospetta sia proprio questo a guastare i suoi rapporti con le donne, gli amici, i colleghi, gli alunni... No, con gli alunni no. Anzi, sono loro l'oceano sul quale a volte si distende per riposare e sentirsi vivo. Ma solo un istante, perché è lui a dover tenere strette le cime che gli lanciano dai banchi ed evitare che la sua flottiglia naufraghi. Di naufragi Leo ha grande esperienza, anche sulla terraferma, e ha imparato che un naufragio può insegnare molto, purché si sia pronti a riprendere subito il mare e si abbia qualcuno a cui raccontare lo scampato pericolo. Il mare è un labirinto indifferente che si compone e scompone a ogni istante, ma basta saper cogliere quello giusto per ritrovare la rotta. La navigazione nel mare aperto della vita e l'educazione di ragazzi che della vita devono apprendere tutto; un tema che non cessa di riguardarci ed emozionarci e che si fa ancora più intenso in virtù di una scrittura esatta ed energica come un colpo di remo, nutrita di suggestioni letterarie eppure calata nel quotidiano, attentissima alle persone e alle cose, di cui sa captare e restituire con immediatezza la complessità: asperità e dolcezze, il lato tragico e quello comico, tutta la bellezza che si nasconde appena sotto la superficie.

Sergio De Santis, nato a Napoli nel 1953, attualmente vive a Roma, dove insegna storia e filosofia nei licei. Ha collaborato a "La Repubblica" e a "Il Mattino" di Napoli. Suoi racconti sono apparsi su varie riviste letterarie, da "Linea d'ombra" a "Nuovi Argomenti", e nelle antologie Decalogo (Rizzoli) e Luna Nuova (Argo). Del 2000 è la raccolta di racconti Malussìa, Storie del vulcano muto (Avagliano). Nel 2005 ha pubblicato Cronache dalla città dei crolli (Avagliano), finalista al premio Strega 2006. Nel 2010 è uscito per Mondadori Nostalgia della ruggine, premio Napoli 2010. 


PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...