domenica 2 novembre 2014

Il lunedì sera è VM14, i film più controversi, estremi, peccaminosi di Steve McQueen, Gus Van Sant, Don Roos e Miloš Forman - dal 3 novembre 2014

Comunicato Stampa
Desiderio, ossessione, perversione e sentimento, arte e pornografia. La seconda serata dei lunedì di laeffe (canale 50 dtt e tivùsat, 139 sky) è nel segno di VM14, l’appuntamento di laeffeFilmFestival con i più controversi, estremi, “vietati” film, firmati dai più importanti registi internazionali come Gus Van Sant, Don Roos e Miloš Forman.

Prima tappa di questo viaggio nella cinematografia bollente, lunedì 3 novembre, ore 23.10, Shame di Steve McQueen con un eccezionale Michael Fassbender, Coppa Volpi al Festival di Venezia grazie alla sua intensa quanto estrema performance nei panni di Brandon.

Le ossessioni perverse del suo newyorkese “sopra ogni sospetto”, intrappolato in un isolamento affettivo e umano, danno il via così ad un appuntamento settimanale firmato laeffe che continua lunedì 10 novembre traghettando lo spettatore al centro del massacro della Columbine High School con Elephant di Gus Van Sant, vincitore della Palma d'oro al miglior film e del premio per la miglior regia al 56º Festival di Cannes. Uno scorcio sulla banalità del male che incredibilmente unisce in una sola giornata bullismo, adolescenza, abbandono, videogiochi di guerra ad una delle stragi scolastiche più dolorose della storia del nuovo continente.

Lunedì 17 novembre la tragedia si fa commedia, piccante, con The opposite of sex – L’esatto contrario del sesso di Don Ross ed una imperdibile Christina Ricci in versione lolita, intrappolata in un gioco famigliare dove lo scandalo presto supera le pareti domestiche sconvolgendo un tranquillo ed ignaro paesino a stelle e strisce.

Larry Flynt – Oltre lo scandalo è invece l’appuntamento di lunedì 24 novembre. Il film che racconta la vera e controversa storia del pornografo miliardario e della sua lotta per la libertà editoriale è un viaggio al cospetto di una delle figure d’oltreoceano più controverse dello scorso secolo, nonché una delle più estreme, tra sregolatezze, dipendenze, provocazioni, fino ad arrivare all’attentato che lo paralizzerà permanentemente, ma non fermerà le sue contestate e censurate pubblicazioni.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

98 giorni 14 h 52 minuti 31 secondi
L’ANGOLINO