8 giugno 2020

"Nero Ferrarese" di Lorenzo Mazzoni è il primo libro della nuova casa editrice "Pessime idee"

Nero Ferrarese di Lorenzo Mazzoni è la prima uscita in libreria della nuova casa editrice Pessime idee, nata a giugno 2020 a Roma dall’iniziativa di Sara del Sordo e Loris Dall’Acqua. Accanto a libri di puro intrattenimento, il catalogo scommette sulla potenza della letteratura di qualità e si arricchirà di storie vere di riscatto personale. Non importa se di narrativa italiana o straniera, da quale bacino culturale proverranno le voci narranti o da quale epoche storica: la buona letteratura non conosce confini e non ammette ‘distanziamenti’; la conditio sine qua nonper la scelta è solo che siano opere di indubbio valore e che parlino di rinascita.

Sinossi
Tre colpi d’arma da fuoco: mano sinistra, petto e spalla. Così si presenta il corpo del ragazzo di estrema destra trovato morto nell’auto. Una Ferrara ancora sotto shock per l’omicidio Aldrovandi piomba nella paura di attentati politici. Pietro Malatesta, ispettore di polizia e anarchico di natura, si troverà a indagare su un omicidio dalle dubbie motivazioni. Brigate rosse? NAR? Ferrara cerca la sua verità. Un giallo che rimane in perfetto equilibrio tra le indagini e la movimentata vita privata dell’ispettore, fatta di scarse amicizie poco raccomandabili, e di una passione per la Spal. Con a fianco Gavino Appuntato, l’unico poliziotto che riesce a lavorare con Malatesta, l’ispettore tenterà il tutto per tutto per risolvere il caso. Nero Ferrarese è il primo capitolo della trilogia noir con protagonista l’ispettore Pietro Malatesta.

L'autore
Giornalista de Il fatto quotidiano, Lorenzo Mazzoni è nato a Ferrara nel 1974. Ha abitato a Londra, Istanbul, Parigi, Sana’a, Hurghada e ha soggiornato per lunghi periodi in Marocco, Romania, Vietnam e Laos. Scrittore, saggista e reporter ha pubblicato numerosi romanzi, tra cui i più recenti Il muggito di Sarajevo (Spartaco, 2016), In un cielo di stelle rotte (Miraggi, 2019). Diversi suoi reportage e racconti sono stati pubblicati su Il Manifesto, Il Reportage, East Journal. È docente di scrittura creativa di Corsi Corsari e consulente per diverse case editrici.

Insieme a Nero Ferrarese di Lorenzo Mazzoni, uscirà a fine giugno Amor proprio, opera prima di Lucrezia Bottiglieri, un romanzo delicato sul rapporto genitoriale. A settembre e ottobre 2020 sono previste invece le prime due uscite di narrativa straniera: L’ultimo detenuto di Anthony Hill (titolo originale The last convict), romanzo storico su Samuel Speed, l’ultimo galeotto deportato nella colonia australiana dalla Gran Bretagna nel 1866, e Romantica Marsiglia di Claude McKay (titolo originale Romance in Marseille): ispirato a una storia vera, racconta la vita di Nelson Simeon Dede, un nigeriano che viveva nella comunità dei marinari e scaricatori di porto durante gli anni Venti.