30 agosto 2017

Recensione: Birthdate, di Lance Rubin

Titolo: Birthdate
Autore:
Lance Rubin
Editore: De Agostini
Pagine:
351
Anno di pubblicazione: 2017
Prezzo copertina: 14,90 €


Denton Little è sopravvissuto alla data di morte e ha scoperto che la sua vera mamma è ancora viva. Inseguito dall'AID (l'Agenzia Investigativa Decessi), Denton trova rifugio proprio a casa della madre, scoprendo che a salvarlo è stato un virus, contratto durante la gestazione, in grado di azzerare la data di morte. Lo stesso virus che ha salvato la madre, Cheryl, da sempre in lotta contro il governo per eliminare l'obbligo di datazione. Adesso, quest'ultima pretende che Denton aiuti il movimento di cui fa parte a dimostrare l'imbroglio del governo, mentre il ragazzo non sembra voler accettare di trascorrere il tempo nascosto in casa.
Anche perché il suo migliore amico Paolo sta per morire e Denton è disposto a tutto pur di salvarlo...

Birthdate è il secondo e ultimo volume della spassosa saga firmata dallo scittore americano Lance Rubin. La nuova esilarante avventura di Denton e dei suoi amici Paolo, Millie e Veronica regala tante risate al lettore; personaggi stravaganti, situazioni surreali, scene imbarazzanti, giochi di parole e soprattutto le irresistibili conversazioni tra Denton e Paolo (l'amico coraggioso e ironico che tutti vorrebbero avere!), rappresentano la spina d'orsale di una delle saghe young adult più originali e divertenti pubblicate negli ultimi anni. Oltre ai quattro protagonisti, ritroviamo lo spietato OrridoSbirro; la mamma di Paolo, Cynthia, infaticabile agente dell'AID; Felix, il fratello maggiore di Denton che ogni volta finisce per salvarlo dai guai; il misterioso Brian; Raquel, la dolce mamma adottiva; il papà di Denton, che nasconde più di qualche segreto. Mentre facciamo la conoscenza di Karen Corrigan, in arte OrridaTizia, la sorella perfida di OrridoSbirro; Cheryl, l'enigmatica e stravagante mamma di Denton; Dane, l'amico di Cheryl che non parla bene la lingua; e tanti altri.

Lance Rubin
Come per il precedente episodio, i dialoghi scoppiettanti si alternano con fughe, inseguimenti, situazioni rocambolesche e colpi di scena. Il libro si legge tutto d'un fiato e si ride di gusto. A livello tematico, tutto ruota intorno ad un interrogativo: è giusto sapere quando moriremo o è meglio vivere liberi e spensierati? Ai posteri l'ardua sentenza...

L'AUTORE
Lance Rubin si è laureato alla Brown University e ha lavorato come attore e come sceneggiatore di molti spettacoli di successo. Ora si dedica alla scrittura a tempo pieno. Deathdate è il suo romanzo d’esordio, primo titolo di una serie dall’ambientazione distopica.


PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI