4 agosto 2020

Sirley, di Elisa Amoruso. In libreria dal 6 agosto

Titolo: Sirley
Autore: Elisa Amoruso
Editore: Fandango
Pagine: 176
Anno di pubblicazione: 2020
Prezzo copertina: 15,00 €


Estate 1989. Nina, 11 anni si ritrova catapultata suo malgrado, dal centro di Roma alla periferia. Sirley, di anni ne ha 13 e viene dalla Guyana francese. Il loro incontro cambierà la vita ad entrambe . Elisa Amoruso ci presenta un romanzo di formazione tenero e avvincente.

Elisa Amoruso (Roma, 1981) dopo la laurea in Lettere si è diploma in Sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Tra i suoi film si citano: Good Morning Aman, Una passione sinistra e La Foresta di ghiaccio. Il suo documentario Fuoristrada ha vinto numerosi riconoscimenti, tra cui il premio della giuria al Festival Internazionale del Film di Roma. I suoi libri (Buongiorno amore e Vorrei che fosse amore) sono stati pubblicati da Newton Compton.

L'impero invincibile, Il mistero della casa delle civette: novità Newton Compton in libreria dal 6 agosto

Titolo: L'impero invincibile
Autore: Gordon Doherty
Editore: Newton Compton

Pagine: 384
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 9,90 €

379 d.C. La terribile orda dei goti si è abbat­tuta sulla Tracia. Dopo la bruciante sconfitta di Adrianopoli, l’impero romano d’Oriente è in ginocchio. L’imperatore è morto, il trono è vuoto e le armate sono state de­cimate, con i pochi sopravvissuti stremati e disorientati. Numerio Vitellio Pavone, divenuto tribuno della legione XI Claudia, deve fare il possibile per tenere serrati i ranghi e fronteggiare le nuove minacce che, come nubi nere nel cielo, si stagliano all’orizzonte. La legione Claudia è una delle po­che sopravvissute al disastro, ed è compito dei suoi soldati tenere viva la fiamma della speranza. Con l’ascesa di un nuovo imperatore, quella fiamma divampa. Ma è solo questione di tempo prima che la furia dei goti si abbatta nuovamente sull’impero. E questa volta il nemico che Pavone dovrà affrontare è un uomo potente e apparentemente invincibile. Un uomo che non esiterà a schiacciare chiunque osi sfidarlo.

Titolo: Il mistero della casa delle civette
Autore: Max e Francesco Morini
Editore: Newton Compton

Pagine: 256
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 9,90 €

Mentre sono impegnati con l’inventario della loro libreria, in un novembre piovoso e freddo, Ettore Misericordia e Fango vengono chiamati dall’ispettore Ceratti. Una cartomante è stata uccisa in piena notte nel suo appartamento in piazza Vittorio. La dinamica dell’omicidio è piuttosto strana, perché la vittima è stata ferita a morte con un compasso, noto simbolo massonico. Per aiutare Ceratti a risolvere il caso, il libraio-detective e il suo fido assistente, tra sorprese e colpi di scena, si dovranno confrontare con le ombre e i segreti della vittima. Nel corso di una lunga e ingarbugliata indagine nella Roma magica ed esoterica, Misericordia dovrà districarsi tra indizi e sospettati, scavando nei segreti della Casa delle Civette di Villa Torlonia: luogo depositario di un misterioso enigma legato al principe Giovanni Torlonia, vecchio e bizzarro inquilino che la abitò nei primi del Novecento, e ad altri due inquietanti personaggi, il sensitivo Gustavo Rol e Benito Mussolini...

3 agosto 2020

Libri che diventano film: agosto 2020

Lacrime di sale - Pietro Bartolo (Mondadori)

"È gelida l'acqua. Mi entra nelle ossa. Non riesco a liberare la stazza dall'acqua. Uso tutta la mia forza e la mia agilità ma la lancia resta piena. E cado. Ho paura. È notte fonda e fa freddo. Siamo a quaranta miglia da Lampedusa e, se non riesco a farmi sentire subito, mi lasceranno qui e sarà la fine. Non voglio morire così. Non a sedici anni. Il panico sta per impadronirsi di me e comincio a urlare con quanto fiato ho in gola, cercando di rimanere a galla e di non farmi trascinare giù da questo mare che ci consente di sopravvivere ma che può anche decidere di abbandonarci per sempre. "Patri" urlo. "Patri." Lui è al timone e non mi sente. La fine si avvicina, penso. Poi qualcosa accade... Ciò che non potevo sapere allora è che non solo quella notte sarebbe rimasta per sempre impressa nella mia mente ma che la mia esistenza sarebbe stata segnata da un mare che restituisce corpi e vite e che sarebbe toccato proprio a me salvare quelle vite e toccare per ultimo quei corpi." Pietro Bartolo è il medico che da oltre venticinque anni accoglie i migranti a Lampedusa. Li accoglie, li cura e, soprattutto, li ascolta. Queste pagine raccontano la sua storia: la storia di un ragazzo mingherlino e timido, cresciuto in una famiglia di pescatori, che si è duramente battuto per cambiare il proprio destino e quello della sua isola. E che, non dimenticando le difficoltà passate, ha deciso di vivere in prima persona quella che è stata definita la più grande emergenza umanitaria del nostro tempo.

Nour, diretto da Maurizio Zaccaro, con Sergio Castellitto e Linda Mresy. Al cinema dal 10 Agosto


Hänsel e Gretel - Jacob e Wilhelm Grimm (Einaudi)

Da Cappuccetto rosso a Hänsel e Gretel, Cenerentola, Biancaneve, Pollicino: le favole che raccontano attraverso storie di nani, giganti, apparizioni angeliche e stregonesche, voci buffe e solenni, tutte le paure e le gioie autentiche dell'uomo. "All'arte della traduttrice, Clara Bovero - scrisse Italo Calvino a proposito di quest'edizione - si deve la limpidezza con cui risaltano i vari registri stilistici del dettato popolare, e la spontaneità con cui anche poesiole e filastrocche sembrano nate nella nostra lingua".

Gretel e Hansel, diretto da Oz Perkins, con Sophia Lillis e Sammy Leakey. Al cinema dal 19 Agosto


Una sirena a Parigi - Mathias Malzieu (Feltrinelli)

Una pioggia ininterrotta si abbatte su Parigi. La Senna è in piena, un'atmosfera apocalittica e surreale avvolge la città. I dispersi sono sempre più numerosi e il fiume trascina oggetti di ogni tipo. D'un tratto un canto ammaliante e misterioso attira l'attenzione di Gaspard Snow che, incredulo, sotto un ponte scopre il corpo ferito e quasi esanime di una sirena. Decide di portarla a casa per prendersene cura e guarirla, ma ben presto tutto si rivela più complicato di quanto non sembri. La creatura gli spiega che chiunque ascolti la sua voce si innamora di lei perdutamente fino a morire, e nemmeno chi, come Gaspard, si crede immune all'amore può sfuggire. Inoltre, come può un essere marino vivere a lungo lontano dall'oceano? Gaspard non si dà per vinto e trova nell'ingegno, nell'estro e nel potere dell'immaginazione gli strumenti per affrontare questa mirabile avventura e difendere un altro grande sogno: salvare il Flowerburger, il suo locale a bordo di una chiatta, un regno di musica, arte e libera espressione.

Una sirena a Parigi, diretto da Mathias Malzieu, con Nicolas Duvauchelle e Marilyn Lima. Al cinema dal 20 Agosto

Non disturbare, Oltre le tenebre, Cemetery road: novità in libreria dal 6 agosto

Titolo: Non disturbare
Autore: Claire Douglas
Editore: Nord

Pagine: 368
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 18,60 €


Quando sua madre le propone di rilevare un cottage a Brecon Beacons, nel Galles, per trasformarlo in un Bed&Breakfast, Kirsty è ben felice di accettare. Dopo l'esaurimento nervoso del marito Adrian, sia loro sia le figlie hanno bisogno di un nuovo inizio. Certo, i lavori da fare sono tanti e la gente del posto non accoglie le novità con entusiasmo, tuttavia Kirsty è convinta di poter superare ogni ostacolo. Ciò che non può tollerare, però, è vivere sotto lo stesso tetto con la cugina Selena, che un giorno si presenta alla sua porta. Le due donne non si parlano da diciassette anni, da quando le bugie di Selena hanno quasi distrutto la famiglia. E infatti ancora una volta la sua presenza destabilizza il delicato equilibrio della casa, soprattutto perché Selena nel giro di breve tempo si fa raggiungere dall'ex fidanzato e dal fratello di Kirsty, che ha con lei un rapporto burrascoso. A ciò si aggiunge una serie di eventi sempre più inquietanti: prima spariscono dei giocattoli dalla stanza delle bambine, poi un bouquet di fiori marci viene lasciato di fronte all'ingresso del cottage, e infine Kristy trova un cappio nella camera matrimoniale, chiara allusione al tentato suicidio di Adrian. Possibile che Selena si sia spinta a tanto? O è qualcun altro a tormentare Kristy e la sua famiglia? Una cosa è certa: quelle minacce diventeranno presto una tragica realtà...

Titolo: Oltre le tenebre
Autore: Petina Gappah
Editore: Guanda

Pagine: 348
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 19,00 €

«Ecco come portammo via dall'Africa il povero corpo straziato di bwana Daudi, il dottor David Livingstone, affinché potesse attraversare il mare ed essere seppellito nella sua terra». Così si apre il racconto di Halima, cuoca della spedizione dell'esploratore inglese partito per l'Africa nel 1866, che aveva consacrato gli ultimi anni della sua vita alla spasmodica ricerca delle mitiche sorgenti del Nilo. Una ricerca che non trovò pace nemmeno quando Livingstone, ormai malato e a corto di provviste, venne raggiunto dal giornalista americano Henry Morton Stanley, inviato in suo soccorso dopo che per tre anni se ne erano perse le tracce. Livingstone decise infatti di proseguire, incontrando la morte a Chitambo nel 1873. Furono i fedeli servitori africani a portarne il corpo fino a Zanzibar, sulla costa, da dove avrebbe intrapreso il suo definitivo ritorno nella madrepatria. Nel ripercorrere l'ultimo rocambolesco viaggio della salma di Livingstone in terra africana, Petina Gappah dà voce a chi nella storia non ne ha mai avuta, e getta una luce nuova su un'epopea dolorosa e spesso mistificata. Spingendosi oltre il paradigma del «cuore di tenebra», le parole taglienti di Halima e quelle intrise di religiosità di Jacob - schiavi affrancati scelti dall'esploratore per accompagnarlo nella sua impresa - raccontano il dramma di un'umanità depredata, ma anche una vicenda fatta di devozione, amore e profondo riscatto.

Titolo: Cemetery road
Autore: Greg Iles
Editore: HarperCollins Italia

Pagine: 600
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 22,00 €

Quando Marshall McEwan ha lasciato la sua cittadina d'origine a diciotto anni, ha giurato a se stesso di non tornarci più. È diventato uno dei più importanti giornalisti di Washington. Ma quando scopre che il padre è malato terminale deve tornare a casa e affrontare il passato. Al suo arrivo si rende conto che Bienville è molto cambiata. La testata della sua famiglia sta fallendo e Jet Talal, il suo amore giovanile, è sposata con il rampollo di una ricca famiglia. La città è sotto il controllo del Bienville Poker Club, in cui i corrotti e i potenti spadroneggiano sotto un sottilissimo velo di rispettabilità. Ma due morti sospette squassano le fragili fondamenta della città. Due morti legate ai loschi affari del Bienville Poker Club. Marshall non può fare altro che cercare la verità, anche se presto capisce che il suolo del Mississippi è un campo minato, dove segreti esplosivi possono distruggere le anime ancora più dell'ingiustizia. Una storia epica ed emozionante di amicizia, tradimento e segreti sconvolgenti sullo sfondo affascinante e oscuro del profondo sud americano.

2 agosto 2020

La recensione di "Dead Man", di Jim Jarmusch distribuito da Movies Inspired dal 6 Agosto nei cinema

Recensione a cura di Mario Turco

- "Hai ucciso chi ti ha ucciso?". Lo stile di Dead Man, l'intero cinema di Jim Jarmusch e, osiamo scrivere, del postmodernismo tutto, sono racchiusi qui, nella domanda che Nessuno pone a William Blake quando egli racconta la sua scapestrata fuga da Machine. In questa breve sequenza, una delle tante in cui si squaderna il film scritto e diretto dal regista di Akron nel 1995, trovano significativo compendio alcune delle caratteristiche più marcate dell'ultima (possibile?) corrente artistica del Novecento: la frammentarietà della narrazione, la destrutturazione amaramente ilare del genere principe della cinematografia statunitense (il western, of course) e la collocazione dei personaggi in posizioni di decentramento e dislocazione rispetto alla stessa fabula. Il capolavoro della filmografia di Jarmusch presentato con poco successo critico in concorso al 48º Festival di Cannes uscirà nuovamente al cinema il 6 agosto 2020 nella sua versione restaurata distribuito da Movies Inspired ed è quindi l'occasione perfetta per fare i conti con un'opera che cresce nella ricezione pubblica come il suo autore continua a fare nella cinematografia statunitense.


Dead Man rappresenta ancora oggi la lucidissima e finanche programmatica presa di coscienza dell'impossibilità dell'ultimo decennio del millennio di fare cinema non solo alla maniera dei nonni e dei padri ma perfino dei fratelli europei. La reincarnazione (Jarmusch si fa beffe da subito di un più probabile caso di omonimia) del poeta e pittore inglese William Blake negli Stati Uniti avrebbe le sembianze di un patetico contabile, defenestrato dal nuovo lavoro nella città di Machine prima ancora di averlo cominciato. Il precedente vaticinio del fuochista, staccatosi dalla caldaia proprio per avvisarlo di “non credere alle promesse scritte su carta” era già per sua natura destinato a non essere preso sul serio: nell'epoca dei treni a vapore l'unico Mito riconosciuto è quello della caccia ai bisonti. Gli otto minuti che fanno da locomotiva ai titoli di testa sono la funebre anticamera, nemmeno tanto velata, della vicenda che segnerà l'uomo morto che non sapeva di esserlo. Nell'accecante bianco e nero splendidamente reso da Robby Müller, usuale direttore della fotografia di Wim Wenders e dello stesso Jarmusch, privo dei contrasti tanto cari alla lunga tradizione prima espressionista, poi noir ed infine new-hollywoodiana (si pensi ai precedenti di “Toro Scatenato” e “Schindler's list”), il viaggio zen del giovane uomo verso la consapevolezza dell'irriducibile finitezza dell'uomo nell'infinito universo avviene attraverso l'incontro con l'Altro rappresentato dal pellerossa Xebeche, “colui che parla ad alta voce senza dire nulla”. 


Blake, interpretato con sensibilità da un Johnny Depp legato particolarmente al film perché solleticava le sue origini indiane e il suo orgoglio Cherokee, si trova nolentemente a dover ricusare il mondo industriale che l'aveva abbandonato al suo destino per un semplice equivoco temporale. Per togliersi gli occhiali morali dello “stupido uomo bianco” che è dovrà affrontare una serie di prove che da un lato gli faranno prender coscienza del male insito nella società da cui è stato costretto a scappare, dall'altro lo precipiteranno in similari abissi di violenza. Il suo rapporto con le armi da fuoco è in questo senso lapalissiano: se nel primo omicidio spara per pura reazione mancando perfino il bersaglio, nell'ultimo mostra un sangue freddo ed una velocità d'esecuzione da navigato pistolero. Nel mondo di “Dead Man” convivono sia gli stralunati chiacchiericci sulla lenta progressione dal giorno alla notte – metonimia del peccato: ci si precipita lentamente o ci si cade improvvisamente? - sia una sincopata danza macabra ritmata dall'acido fingerpicking di Neil Young che con la sua elettrica sei corde acuisce gli occasionali stridii orrorifici. L'intatto fascino del film sta proprio in questa unione di apparenti contrari, in quella che formalmente può sembrare una giustapposizione casuale di stilemi alti e altri ma che al suo interno racchiude l'essenza stessa della postmoderna poesia cinematografica: accatastare immagini tra loro mute e costringerle al dialogo con lo spettatore. Che da destinatario/uomo morto diventa vivo ricettore.

Le amiche, La danza dei tulipani, La spedizione Donner e altre novità in libreria dal 4 agosto

Titolo: Le amiche
Autore: Elizabeth Ames
Editore: Mondadori

Pagine: 408
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 20,00 €


Assegnate alla stessa stanza durante il loro primo anno al Quincy-Hawthorn College, Lainey, Ji Sun, Alice e Margaret diventano rapidamente inseparabili. Il campus dove vivono insieme, le esperienze comuni, e la passione e la ferocia che la scuola e l'indipendenza risvegliano in loro danno vita a un affetto e un'amicizia indistruttibili. Ma le ragazze si accorgono presto che il loro legame deve superare non solo le paure che hanno origine nell'infanzia ma anche le minacce che provengono dal mondo esterno, da loro quattro e, infine, per ciascuna, da se stessa. Il romanzo segue la vita delle quattro amiche passando dai giorni selvaggi e spensierati della gioventù a quelli più complicati e difficili una volta diventate adulte, e si concentra su un errore terribile che ciascuna di loro commette, e che ne segna la vita per sempre. Diviso in quattro parti, Le amiche si interroga su come il passare del tempo e la maturità costringano le amicizie a evolversi e cambiare mentre scopriamo la capacità di perdonare. In un romanzo pieno di sentimento che evoca perfettamente l'esperienza agrodolce delle amicizie totalizzanti, le vite delle protagoniste sono allo stesso tempo dolorosamente familiari e brillano comunque di una luce e una profondità tutta loro.

Titolo: Finché morte non ci separi
Autore: Jane Corry
Editore: Piemme

Pagine: 416
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 18,90 €

Il giorno in cui riceve la comunicazione della polizia, Vicki, aromaterapeuta divorziata, non sa cosa pensare: il suo ex marito David, l’uomo che le ha rovinato la vita, che l’ha tradita e poi lasciata per la sua segretaria, proprio quando a lei era stata diagnosticata una forma di epilessia, è scomparso. La prima reazione è di sollievo: forse è meglio così. Ma quando tutti gli indizi fanno pensare che David sia morto, le cose si complicano. Vicki decide di affrontare Tanya, la nuova moglie dell’uomo, ma l’incontro finisce in un modo del tutto inaspettato. Cosa è successo realmente la notte in cui è scomparso David? Vicki si ritroverà a doversi difendere da un’accusa di omicidio. Come farà a dimostrare la propria innocenza, quando lei stessa non ne è sicura? La sua memoria è offuscata dalle medicine e dalla malattia...

Titolo: La danza dei tulipani
Autore: Ibon Martin
Editore: Piemme

Pagine: 496
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 19,90 €

È un giorno come tanti altri per Santi, macchinista della linea Urdaibai, nel pieno della riserva naturale basca, un posto la cui straordinaria bellezza è un segreto che pochi conoscono. Mentre conduce il treno, però, si accorge che c’è qualcosa sui binari. Una sedia. E su quella sedia è seduta una persona. Una donna. Santi capisce, con indescrivibile orrore, che si tratta di sua moglie. Cerca disperatamente di frenare, ma è troppo tardi, lo schianto è inevitabile. Natalia muore sul colpo. In una mano, stringeva un tulipano di colore rosso intenso, tanto bello quanto difficile da trovare in pieno autunno. Nell’altra, un telefono da cui tutto l’evento è stato trasmesso in diretta su Facebook. L’agente di polizia Julia Lizardi e il suo partner Raúl accorrono sul posto, ma non sanno che presto un nuovo omicidio sconvolgerà la città. Un’altra donna, e ancora un tulipano non lontano dal cadavere. Mano a mano che le morti si susseguono, una sola cosa sarà sempre più chiara: un serial killer è in azione. Un assassino intelligente e capace di competere con i ritmi della natura che hanno sempre governato la regione.

Titolo: La spedizione Donner
Autore: Lincoln Child, Douglas Preston
Editore: Rizzoli

Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 19,00 €

Quella della Spedizione Donner è una storia vera che ancora oggi risveglia paure ataviche e curiosità morbose. Rimanda al 1846, quando una carovana di pionieri diretti in California rimase bloccata per mesi dalla neve nella Sierra Nevada. Alcuni di loro morirono di stenti dopo poco tempo. Altri, stipati nello spazio soffocante dei carri, portati alla follia dai morsi del freddo e della fame, si abbandonarono al cannibalismo. Quasi nessuno si salvò. Lo storico Clive Benton, lontano discendente di alcuni sopravvissuti a quell'orrore, è entrato in possesso del diario di uno dei pionieri, giungendo alla conclusione che sia finalmente possibile localizzare il campo perduto della Spedizione Donner e svelarne i misteri. È lui a convincere la dottoressa Nora Kelly, ricercatrice dell'Istituto di archeologia di Santa Fe e già direttrice di molte campagne di scavo sulla Sierra Nevada, a guidare una squadra sulle tracce dell'accampamento. Ma arrivati tra le montagne, i ricercatori scoprono che l'epilogo degli avventurieri della Donner nasconde verità sconvolgenti e atroci, che gettano un ponte tra passato e presente, allacciandosi a un'indagine su alcuni recenti casi di omicidio condotta dall'agente dell'FBI Corrie Swanson. D'un tratto, quella che doveva essere una spedizione scientifica si trasforma in uno spaventoso viaggio di abiezione e follia.

Titolo: La guerra della scintilla. Vendetta
Autore: Greg Weisman
Editore: Rizzoli

Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 20,00 €

I planeswalker hanno sconfitto Nicol Bolas e salvato il Multiverso, ma il prezzo della vittoria è stato altissimo. Una perdita, tra tutte, è la più dolorosa da accettare: Gideon Jura, eroe della Guerra della Scintilla e guida dei Guardiani, ha sacrificato la vita sul campo di battaglia. Ora, finalmente riunite, le gilde di Ravnica devono affrontare una duplice sfida. Bisogna ricostruire quanto è stato distrutto dall'Antico Drago e dal suo esercito di non morti, per far risorgere dalle rovine la maestosa città e porre le fondamenta di un futuro stabile. D'altro canto, il sangue delle migliaia di vittime di Ravnica può essere lavato solo versando altro sangue. I traditori, i burattini al servizio di Bolas destinati, con la loro morte, a placare la sete di vendetta dei vincitori, sono tre: Tezzeret, Dovin Baan e Liliana Vess. E Niv-Mizzet, in qualità di nuovo Patto delle Gilde Vivente, ha stabilito che il compito di stanarli e ucciderli spetterà ai tre planeswalker colpevoli, in passato, di essersi lasciati ingannare e usare dal drago: per Ral Zarek, Vraska e Kaya la caccia ha dunque inizio. Dal gioco di carte più noto al mondo, il secondo romanzo ispirato a Magic: The Gathering. In arrivo anche una serie tv prodotta da Netflix e firmata dai registi di The Avengers: Endgame, Anthony e Joe Russo.

Titolo: The boy next door
Autore: Vi Keeland
Editore: Sperling & Kupfer

Pagine: 304
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 12,90 €

Dopo aver trascorso quasi vent'anni dedicandosi al marito e al figlio, la trentasettenne Valentina si ritrova divorziata e spaventata all'idea di rimettersi in gioco in amore. Così, per scuoterla dal suo torpore sentimentale, la sua migliore amica decide di iscriverla a un'app di dating. Ed è lì che Valentina conosce un ragazzo più giovane, con il quale scatta un'intesa inaspettata. Quando decide di incontrarlo di persona, rimane però senza parole: si tratta di Ford, il venticinquenne che possiede una casa delle vacanze accanto alla sua, a Montauk. A quel punto, terrorizzata dagli anni che li separano, la donna scappa subito a gambe levate. Tuttavia, Ford non si arrende. Dopo un corteggiamento serrato, riesce a convincerla a lanciarsi in un flirt estivo bollente. Ma, con la fine dell'estate imminente, Valentina e Ford si troveranno di fronte alla scelta più difficile: continuare a stare insieme o permettere alla differenza d'età di essere d'ostacolo al loro futuro insieme? Con questa nuova storia d'amore insolita e passionale ambientata sulle spiagge americane, Vi Keeland si conferma ancora una volta la regina del romance, capace di far sognare le lettrici di tutto il mondo.

1 agosto 2020

Il trailer di "Genesis 2.0", di Christian Frei e Maxim Arbugaev. Al cinema dal 24 settembre

SINOSSI 
Nelle remote Isole della Nuova Siberia, nell’Oceano Artico, dei cacciatori vanno in cerca delle zanne dei mammut estinti migliaia di anni fa. Un giorno, il gruppo scopre una carcassa di mammut straordinariamente conservata. Riportare a nuova vita il mammut lanoso è il primo grande passo di una enorme rivoluzione tecnologica, la genetica, che potrebbe sovvertire il mondo come oggi lo conosciamo.
 

I custodi del Buiofondo. Darkdeep. Vol. 2; Jonas Grinn, Le avventure di un amico fantastico. Un libro schiappa e altre novità per ragazzi in libreria dal 4 agosto

Titolo: I custodi del Buiofondo. Darkdeep. Vol. 2
Autore: Ally Condie, Brendan Reichs
Editore: Mondadori
Pagine: 288
Anno di pubblicazione: 2020
Prezzo copertina: 18,00 €


Nico, Opal e i loro amici sono i custodi del vortice di buio che, nei sotterranei della casa galleggiante celata tra le nebbie di Still Cove, può dare vita a creature scaturite dall'immaginario. Dopo aver affrontato i mostri generati dalle loro stesse paure, sembrano avere tutto sotto controllo... fino a quando le acque della baia si tingono di rosso sangue e altri mondi bussano alle porte del nostro. A peggiorare le cose, la troupe di un programma sul paranormale è arrivata in città e sta facendo domande sulla Bestia, il leggendario mostro marino della baia, che forse tanto leggendario non è. Ai custodi non resta che immergersi nella storia tenebrosa della loro cittadina e trovare chi trama nell'ombra per riaprire il varco verso l'incubo. Opal scosse la testa, con un senso d'angoscia che le strisciava sulla pelle. Il Buiofondo poteva pure essere sopito, ma c'era qualcosa di terribilmente sbagliato nello stagno. E quella sensazione che aveva provato poco prima... Quel formicolio sulla nuca... L'aveva già sentito in passato, quando le era parso che la poltiglia verde nel barattolo le avesse rivolto un sorriso e fatto l'occhiolino. Il suo istinto le gridò lo stesso avvertimento di allora. Quella sensazione non sembrava provenire da lei. E non sembrava umana.


Titolo: Il tredicesimo avvertimento e altre storie da brividi
Autore: Robert L. Stine
Editore: Mondadori
Pagine: 304
Anno di pubblicazione: 2020
Prezzo copertina: 10,00 €


Il tredici può essere un numero davvero maledetto... cosa fare se si sta per festeggiare proprio il tredicesimo compleanno? Come sopravvivere quando inspiegabilmente si rimpicciolisce e tutto diventa una minaccia mortale? E ancora cloni malvagi, terribili cavallette, formiche giganti... non c'è pericolo che i protagonisti di queste storie da paura non siano pronti ad affrontare con il fiato sospeso. Proprio come i lettori che avranno il coraggio di aprire la prima pagina di questa raccolta... da brividi!

Titolo: La città degli zombie e altre storie da brividi
Autore: Robert L. Stine
Editore: Mondadori
Pagine: 272
Anno di pubblicazione: 2020
Prezzo copertina: 10,00 €


Cosa fare se gli alieni si impossessano dei propri genitori? E come non farsi divorare da una schiera di zombie che hanno invaso la città? E ancora, bambole mutanti che prendono vita, invasioni di lucertole extraterrestri... non c'è pericolo che i protagonisti di queste storie da paura non siano pronti ad affrontare con il fiato sospeso. Proprio come i lettori che avranno il coraggio di aprire la prima pagina di questa raccolta... da brividi!

Titolo: Jonas Grinn
Autore: Francesca Caldiani
Editore: La Corte
Pagine: 400
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 17,90 €

Jonas Grinn ha un sogno: quello di diventare campione nazionale di Kayt, lo sport nel quale audaci piloti si sfidano a bordo di speciali macchine volanti, alimentate a energia solare. Ha solo tredici anni quando, grazie al suo grande talento, entra nella scuola del Giglio, gestita dall’ambiguo Signor D, dove la rivalità interna è altissima. Jonas, per realizzare le sue ambizioni, è determinato a dare il meglio di sé, ma scoprirà presto che il mondo in cui sta entrando è molto più oscuro di quanto abbia mai immaginato. Dopo un grave incidente, Jonas inizierà a chiedersi cosa si celi veramente dietro a quelle corse e di chi può fidarsi davvero. E mentre verrà spinto oltre ogni limite pur di arrivare alla vittoria, insieme ai suoi amici inizierà a indagare sulle ombre che minacciano i piloti come lui e capirà che, forse, anche essere il migliore di tutti, potrebbe non bastare per salvarsi la vita.

Titolo: Le avventure di un amico fantastico. Un libro schiappa
Autore: Jeff Kinney
Editore: Il Castoro
Pagine: 224
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 13,00 €

Tenetevi pronti! Rowley presenta... un'avventura di proporzioni epiche! Unitevi al giovane Roland e al suo migliore amico, Garg il Barbaro, nella nobile impresa di salvare la mamma di Roland dalle grinfie dello Stregone Bianco. Riusciranno i nostri intrepidi eroi a trionfare sul Male? Con la consulenza di Greg, tutto è possibile! 

31 luglio 2020

Il trailer di "Siberia", il nuovo film di Abel Ferrara con Willem Dafoe. Al cinema dal 20 agosto

Classifiche dei libri più venduti in Italia dal 20 al 26 luglio

CLASSIFICA GENERALE
  1. Riccardino - Andrea Camilleri (Sellerio)
  2. Il colibrì - Sandro Veronesui (La Nave di Teseo)
  3. Riccardino. Seguito dalla prima stesura del 2005. Ediz. speciale - Andrea Camilleri (Sellerio)
  4. L'enigma della camera 622 - Joël Dicker (La Nave di Teseo)
  5. Cambiar l'acqua ai fiori - Valérie Perrin (Edizioni E/O)
  6. Come un respiro - Ferzan Ozpetek (Mondadori)
  7. La misura del tempo - Gianrico Carofiglio (Einaudi)
  8. I leoni di Sicilia. La saga dei Florio - Stefania Auci (Nord)
  9. Il borghese Pellegrino - Marco Malvaldi (Sellerio)
  10. La magia del ritorno - Nicholas Sparks (Sperling & Kupfer)
  11. Le storie del mistero - Lyon Gamer (Magazzini Salani)
CLASSIFICA NARRATIVA ITALIANA
  1. Riccardino - Andrea Camilleri (Sellerio)
  2. Il colibrì - Sandro Veronesui (La Nave di Teseo)
  3. Riccardino. Seguito dalla prima stesura del 2005. Ediz. speciale - Andrea Camilleri (Sellerio)
  4. Come un respiro - Ferzan Ozpetek (Mondadori)
  5. La misura del tempo - Gianrico Carofiglio (Einaudi)
  6. I leoni di Sicilia. La saga dei Florio - Stefania Auci (Nord)
  7. Il borghese Pellegrino - Marco Malvaldi (Sellerio)
  8. Fiore di roccia - Ilaria Tuti (Longanesi)
  9. Tre passi per un delitto - Cristina Cassar Scalia, Giancarlo De Cataldo, Maurizio De Giovanni (Einaudi)
  10. La Salita dei Saponari - Cristina Cassar Scalia (Einaudi)
CLASSIFICA NARRATIVA STRANIERA 
  1. L'enigma della camera 622 - Joël Dicker (La Nave di Teseo)
  2. Cambiar l'acqua ai fiori - Valérie Perrin (Edizioni E/O)
  3. La magia del ritorno - Nicholas Sparks (Sperling & Kupfer)
  4. Broken - Don Winslow (HarperCollins Italia)
  5. Il quaderno dell'amore perduto - Valérie Perrin (Nord)
  6. Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi vol. 4 - Christelle Dabos (Edizioni E/O)
  7. La strada di casa - Kent Haruf (NN Editore)
  8. Il mare senza stelle - Erin Morgenstern (Fazi)
  9. Clean. Tabula rasa - Glenn Cooper (Nord)
  10. Finché il caffè è caldo - Toshikazu Kawaguchi (Garzanti)
Fonte: iBUK

Recensione: Zardo, di Tiziano Sclavi

Titolo: Zardo
Autore: Tiziano Sclavi
Editore: Sergio Bonelli Editore

Pagine: 64 ill.
Anno di pubblicazione: 2020

Prezzo copertina: 19,00 €

Recensione a cura di Mario Turco

Per il ritorno di Tiziano Sclavi, padre di quel fenomeno editoriale/culturale che è (stato) Dylan Dog, potremmo usare uno dei tanti titoli horror omaggiati dalla sua creatura nel corso di una carriera ultratrentennale. “A volte ritornano”, sarebbe la scelta più ovvia ma anche “essi vivono” andrebbe bene per sottolineare l'afasia letteraria del fumettista di Broni che negli anni duemila ha firmato appena la sceneggiatura di 5 albi dell'Indagatore dell'incubo. Con questo “Zardo”, cartonato di 64 pagine in uscita dall'11 Giugno nelle librerie e pubblicato da Sergio Bonelli Editore al non modico prezzo di 19,00 €, Sclavi torna alla forma fumetto tanto congeniale. Con quest'ultimo lavoro va comunque a ripescare uno dei suoi personaggi meno noti, ideato nel suo periodo creativo più fertile, quello che all’inizio degli anni Novanta lo vedeva all’apice del successo con appunto Dylan Dog e con la ripubblicazione dei suoi primi romanzi, alcuni dei quali avranno poi una trasposizione cinematografica, da Dellamorte Dellamore a Nero.


Al regista Giancarlo Soldi che ha girato proprio Nero. (il punto è parte integrante del titolo), film adesso dimenticato ma passato anche al Festival del Cinema di Venezia con il manifesto disegnato da Angelo Stano, si deve la pubblicazione di “Zardo”, che altro non è il nome del personaggio omonimo tratto a sua volta dal libro di Sclavi uscito per la casa editrice Camunia nel 1992. Egli infatti poco tempo fa, almeno così racconta Sclavi nella sua Nota Introduttiva, ha ritrovato le fotocopie di quella sceneggiatura ormai sgualcite dal tempo permettendone in questo modo il recupero e la sua pubblicazione, tradotta per immagini dal talentuoso Emiliano Mammucari e dagli incredibili colori di Luca Saponti. “Zardo” è uno one-shot dal finale aperto che ha il carattere di un numero 1 o di una origin story: il fumetto era infatti stato inizialmente pensato come una serie lunga, un noir con protagonisti una coppia di amanti assassini, caratterizzato da molta ironia e dalle venature horror tipiche dello scrittore lombardo, ispirato a film come Ossessione (1942) di Visconti ma soprattutto Blood simple (1984) dei fratelli Coen, citato apertamente in alcune tavole e nel personaggio del laido investigatore D'Ambrosi. Pur nella sua esiguità, a cui il formato grande dona grande importanza visiva ma toglie la maneggevolezza forse necessaria, l'opera è un gradevole compendio dei temi cari a Sclavi, dipanati su pagina con la precisione romanzesca dei suoi anni migliori. La girandola di situazioni grottesche che il protagonista, trovatosi improvvisamente a prendere il posto di Zardo assassinato dalla compagna di entrambi Francesca, ha un andamento surreale che cancella i confini del reale e lascia il lettore nel dubbio sulla veridicità di quello che accade nelle tavole. 


Alcuni eventi superano il limite della verosimiglianza e la narrazione in prima persona di un uomo debole e stupidamente innamorato accentua questa finzionalità. La trasformazione di una coppia fedifraga in amanti diabolici, alla prese con omicidi e occultamenti di cadaveri, avviene con un ritmo veloce che evita sapientemente i rischi dell'accumulo. Il gorgo nel quale Francesca e il doppio di Zardo precipitano non ha i caratteri della tragedia ma quelli ben più destabilizzanti e sclaviani della beffa. I disegni di Mammuccari, volutamente segnati da un tratto febbrile (“sono tornato a disegnare a mano, con gli strumenti di quando ho iniziato: pennelli, pennarelli a scalpello”) assecondano questa confusione esplodendo improvvisamente in un onirismo tragicomico. Anche l'acida e aggressiva tavolozza cromatica di Luca Saponti, colma di tonalità forti come il viola, il rosso ed il blu, contribuisce alla maniera di una dissonante colonna sonora morriconiana ad inquadrare gli eventi in questa cornice allucinatoria. Nonostante l'apertura del finale “Zardo” può anche essere letta come una storia auto-conclusiva che in questo senso avrebbe magari potuto essere maggiormente rielaborata da Tiziano Sclavi, limitatosi invece ad aggiungere una sequenza alle fotocopie della sceneggiatura originale pubblicate in appendice e che Giancarlo Soldi con molta generosità ha riesumato dalle sue carte. Considerata questa riluttanza nel necessario rimaneggiamento e la stasi creativa dell'autore crediamo che nonostante le velate promesse nella succinta Nota Introduttiva le avventure di Zardo siano definitivamente terminate qui.