15 maggio 2021

Il trailer di "Run", l'horror-psicologico con Sarah Paulson, dal 10 giugno al cinema

SINOSSI
Dicono che non ci si possa sottrarre all’amore di una madre… ma per Chloe questa non è una rassicurazione: è una minaccia. C’è qualcosa di innaturale, quasi sinistro nella relazione tra Chloe e sua madre Diane (Sarah Paulson). Diane ha cresciuto sua figlia nel totale isolamento, controllandone ogni movimento sin dalla nascita, dietro segreti che Chloe sta solo iniziando ad intuire. Un horror psicologico che mostra come, quando l’amore di una madre diventa troppo stretto… devi scappare.

Vesuvio, Il mio migliore amico è fascista, Dante e Giotto, Mistero Caravaggio e altre novità per bambini e ragazzi in libreria tra il 18 e il 21 maggio

Titolo:
Vesuvio
Autore: Marco D'Amore, Francesco Ghiaccio
Editore: DeA
Pagine: 144
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 13,90 €

Federico e Susy hanno tredici anni e il profumo della libertà tra i capelli, i muscoli pieni di adrenalina, sogni pieni di coraggio. Per loro la vita è una corsa folle in sella ai motorini, tra i vicoli stretti di Napoli. Vivaci e strafottenti, tra battaglie e umiliazioni reciproche, comandano due bande di ragazzi con l'intento di prendersi tutto. Sono figli dei boss più potenti della città, rivali tra loro. Così, anche per Federico e Susy il destino è già scritto: soltanto uno dei due vincerà e l'altro resterà a terra consapevole che chi perde è niente. A volte, però, succede qualcosa che non ti fa tornare indietro, che ti costringe ad accelerare fino a perdere il controllo. E improvvisamente la vita si trasforma in una corsa disperata che conduce alla vetta del vulcano, un luogo in cui è possibile ritrovarsi o perdersi per sempre. Ma anche un luogo in cui il potere della scelta è nelle tue mani.

Titolo:
 Missione Piramidi. Viaggio nel tempo 14
Autore: Geronimo Stilton
Editore: Piemme
Pagine: 320
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 23,00 €

Per mille mozzarelle, ero in vacanza in Egitto con la mia famiglia, quando siamo entrati in possesso di una bussola misteriosa... Quello strano oggetto ci ha catapultati indietro nel Tempo, alla corte di Cheope! Lì qualcuno aveva rubato il Tesoro del Faraone, necessario per la costruzione della Piramide... Come fare?

Titolo:
 Le bugie ti lasciano in mutande
Autore:  Loredana Frescura, Marco Tomatis
Editore: Piemme
Pagine: 192
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 9,50 €

Oscar ha otto anni, una sorella che crede di sapere tutto e un fratellino un po' strambo. E poi ci sono Pino, il suo peluche che gli parla di nascosto, e Oscargatto, il randagio che ha adottato. Peccato che a fare compagnia a Oscar ci siano anche le sue bugie: larghe, grosse... Bugie da bugiardissimo, che rischiano di avverarsi e di lasciarlo in un mare di guai, anzi, in mutande! Età di lettura: da 7 anni.      

Titolo:
 Il mio migliore amico è fascista
Autore: Takoua Ben Mohamed
Editore: Rizzoli
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 16,50 €

Il primo anno di superiori è complicato per tutti. Figurarsi per Takoua, che di cognome fa Ben Mohamed, è di origine tunisina, è musulmana, porta il velo e vive nella periferia di Roma, dove uno dei suoi compagni di scuola è un bulletto di nome Marco che si professa fascista... peccato che Marco è così scemo che nemmeno lui sa bene cosa vuol dire! Quando la prof ha la brillante idea di metterli in banco insieme, per Takoua andare a scuola diventa un vero e proprio tormento, come se non bastassero le occhiatacce dei vicini di casa, convinti che abbia una bomba nascosta da qualche parte nello zaino, o le battutine degli insegnanti, che pensano che i suoi genitori siano dei semi-analfabeti. Tra Takoua e Marco la convivenza a scuola diventa una vera e propria guerra, fatta di sguardi in cagnesco e di una trincea disegnata sul banco con il righello. Un muro che di giorno in giorno sembra sempre più insuperabile... Ma sarà davvero così? 

Titolo:
 Gli abitanti del magico albero. L'albero di molto lontano
Autore: Enid Blyton
Editore: Piemme
Pagine: 224
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 16,00 €

Joe, Beth e Frannie abitano in una graziosa casetta al limitare dalla Foresta Incantata. Nell'orto e in cucina c'è sempre da fare, e i tre non si tirano certo indietro. Poi però la mamma li lascia liberi di salire sull'Albero di molto lontano, dove le avventure non finiscono proprio mai! Quei rami ospitano infatti creature bizzarre, come la fata Setolina, il curioso Uomo Pentola, l'ingegnoso Faccia di Luna. Con loro i bambini affronteranno imprese incredibili, esplorando di volta in volta luoghi sorprendenti e unici, come il Paese dei Segreti, quello delle Filastrocche o la sgangherata scuola della Maestra Rimbrotta. Le cose si faranno ancor più esaltanti con l'arrivo di Connie, una ragazzina di città, che per qualche tempo sarà ospite proprio di Joe, Beth e Frannie. Con il suo caratterino tutto pepe, la sua testardaggine e la sua curiosità imprudente, Connie Curiosona finirà per cacciarsi nei guai, trascinando i tre amici in un vortice di peripezie dal ritmo entusiasmante! 

Titolo:
 Dante e Giotto. La storia un po' vera, un po' romanzata, ma molto avventurosa di due amici geniali
Autore: Pierdomenico Baccalario
Editore: Piemme
Pagine: 144
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 15,00 €

10 giugno 1289. Nella campagna toscana, tra Arezzo e Firenze, si schierano gli eserciti delle due città. Tra le file dei fiorentini, un nobile cavaliere e un fante armato di spada si fronteggiano. Ma a un tratto il fante chiama l'altro per nome: - Ehi, Dante! Ma sei proprio tu?! Così si ritrovano due amici d'infanzia: Dante Alighieri e Giotto di Bondone. Ma non è un incontro felice: sono passati molti anni dalla loro amicizia di bambini, eppure Dante è ancora arrabbiato con Giotto per uno scherzo finito male. Il giorno dopo ci sarà battaglia e i due saranno chiamati a rischiare la vita. Ma la notte è lunga, e i due geni sapranno riempirla di parole e immagini che salgono fino alle stelle. Il libro è arricchito da un'appendice sulla vera storia di Dante e Giotto, che racconta con immediatezza e ironia il contesto storico in cui i due artisti hanno vissuto: il Medioevo, un'epoca in cui "se nasci nobile, hai dei contadini che lavorano per te. In cambio però li devi difendere, altrimenti ciao. Se nasci tra i contadini, lascia perdere: sarebbe meglio credere nella reincarnazione e aspettare il prossimo giro. E, comunque sia, se ti comporti male, sei dannato anche nell'aldilà. Amen".  

Titolo:
 Dalla parte dei bambini
Autore: AA.VV.
Editore: Piemme
Pagine: 272
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 13,00 €

Nato dalla collaborazione tra il Comitato Italiano per l'UNICEF Fondazione Onlus e Il Battello a Vapore, in occasione del trentennale della ratifica della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, Dalla parte dei bambini è una raccolta di racconti scritti da venti autori dell'Associazione ICWA (Associazione Italiana scrittori per Ragazzi). Ogni racconto ci invita a riflettere sui diritti dei bambini, su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, e a porci le domande fondamentali su chi vogliamo essere "da grandi". Grazie alla storia di Omar che viene adottato dalla famiglia del piccolo Francesco; a quella di Lisa, sorda dalla nascita, che riesce comunque a comunicare con Tommaso; a quella di Min Min che riceve in dono un barattolo con tutte le parole che ancora non conosce; a quella di Marta che decide di sfidare i bulli per proteggere il compagno di classe Milan, e a tante altre, ogni bambino potrà guardare con occhi diversi il mondo intorno a sé e costruire la consapevolezza dei propri diritti di essere umano.  

Titolo:
 La mia tata è un mostro!
Autore: Tuutikki Tolonen
Editore: Salani
Pagine: 352
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 13,90 €

Oggetto della spedizione: creatura semi-umana qualificata, comunemente detta 'mostro', specializzata nella cura dei bambini. linguistiche: scarse. Capisce qualcosa, non parla. In questo senso non sono previsti miglioramenti. Sistemazione: armadio all'ingresso (da liberare all'istante!) Quando la mamma di Hilla, Kaapo e Maikki vince una vacanza in Lapponia, insieme ai biglietti arriva per posta anche un altro regalo: una tata... mostro! Un'enorme creatura pelosa che si muove con insospettabile delicatezza e non li abbandona mai. Ma chi c'è dietro questo 'esperimento segretissimo'? Quando i tre fratelli scoprono che anche gli altri bambini del quartiere hanno un mostro-tata il mistero si infittisce, proprio come la nuvola di polvere che segue i mostri dappertutto... Età di lettura: da 8-12 anni. 

Titolo:
 Connessi nel tempo. I diari, il viaggio e una cabina stramba
Autore: Iacopo Montagni
Editore: Il Ciliegio
Pagine: 272
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 15,00 €

In occasione dell’open day della scuola media, Chiara, giovane youtuber, deve collaborare con Marcello, sportivo e prepotente; Alice e Ginevra, inseparabili ma molto diverse tra loro; Lorenz, esperto di tecnologia e Filippo, ossessionato dal cibo. Il connubio non potrebbe essere più esplosivo, tanto che l’intera scuola rischia letteralmente…di crollare. Inseguiti da un gruppo di ragazzi che li incolpa di aver rovinato l’evento, i sei si ritrovano in una strana cabina telefonica che li teletrasporta indietro nel tempo, nell’antico Egitto e poi ad Atene. Riusciranno i ragazzi a tornare nel presente?

Titolo:
 Come fratello e sorella
Autore: Karin Koch
Editore: Beisler
Pagine: 205
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 15,90 €

Juni è un'adolescente testarda, impulsiva e generosa. I suoi genitori sono separati e lei deve trascorrere l'estate a Berlino con sua madre. È qui che incontra Sahal, ragazzo somalo clandestino che vive nascosto in un cimitero. Da cosa sta scappando? Juni non conosce la sua storia, ma è chiaro che ha bisogno del suo aiuto! Tra i due nasce un'amicizia profonda e senza compromessi, che scardina la realtà di una ragazza cresciuta nel benessere e la induce a compiere scelte e rinunce troppo grandi per la sua età. Il confronto con Sahal la farà maturare e metterà in crisi il suo rapporto con i genitori.  

Titolo:
 Mistero Caravaggio
Autore: Costantino D'Orazio
Editore: Piemme
Pagine: 224
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 16,00 €

Caravaggio sogna di diventare pittore fin da bambino: da quando, un giorno, scopre che con la pittura è possibile fare magie, e ogni quadro nasconde un incantesimo. Da quel momento vive con due soli amici al suo fianco: il pennello e la spada. Col pennello inventa storie, fa nascere emozioni e fa apparire oggetti meravigliosi, con la spada si fa largo nel difficile mondo dell'arte del Seicento, dove bisogna guardarsi da tutti, perché il pericolo di finire in prigione è sempre dietro l'angolo. Il suo problema è che ha un carattere forte, per cui spesso si mette nei guai da solo. Non sopporta le ingiustizie e sa bene quanto vale il suo talento, ma per affermarlo deve farsi rispettare dai colleghi invidiosi e superare le sfide che gli propongono i suoi clienti. Cardinali, nobili, papi si contendono le sue opere: quei quadri straordinari dipinti tra una serata in osteria, un pomeriggio con l'amata Lena e una mattina in tribunale. Ma un giorno del 1606 commette un errore fatale, che lo costringerà a una fuga lunga ben quattro anni. Riuscirà mai a tornare sano e salvo a casa? 

Titolo:
 Di mondi diversi e anime affini
Autore: Mohamed Ismail Bayed, Raissa Russi
Editore: DeA
Pagine: 208
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 16,00 €

Si può crescere nella stessa città, camminare per le stesse strade, incontrare le stesse persone, ma vivere storie così lontane da sentirsi abitanti di due mondi diversi. Quella di Mohamed è la storia di un bambino che impara troppo presto a conoscere sulla propria pelle l'ostilità dettata dall'ignoranza, la cattiveria del branco e l'ipocrisia degli adulti. Un bambino dagli occhi grandi, pieni di sogni, che desidera provare quel senso di appartenenza e calore che ci fa sentire "a casa" e costruire un futuro migliore per sé e per la sua famiglia. Quella di Raissa è la storia di una bambina circondata da una bolla di amore e protetta da tutto ciò che è “diverso”, che si apre al mondo piena di curiosità e domande e vuole imparare a camminare sulle proprie gambe. Una bambina con un universo interiore vorticoso, che cerca una lente per mettere a frutto il suo talento e a fuoco il suo futuro. Due strade parallele che curvano l'una verso l'altra, sfiorandosi, fino ad arrivare a intrecciarsi e diventare una. Due anime affini che si riconoscono. Due "io" che diventano un "noi". Perché, anche se si proviene da mondi diversi, si possono vivere le stesse emozioni: le paure, l'insicurezza, la fatica nell'accettazione di sé, la voglia di farcela, la capacità di sorridere, il desiderio di amare. Quella di Mohamed e Raissa è la storia di due ragazzi che si innamorano e affrontano insieme tutte le esperienze di una giovane coppia, scoprendo passioni in comune e quelle piccole diversità che ci rendono unici. Ma che imparano anche cosa significa lottare quotidianamente contro l'odio e i pregiudizi, e scelgono di non restare in silenzio, ma di usare l'autoironia come unica arma, trasformando le difficoltà in un'occasione di crescita personale e la loro storia in un punto di riferimento per tanti ragazzi e ragazze come loro. Per aprire insieme il primo capitolo di una storia nuova. 

Titolo:
 Jenny lo squalo
Autore: Lisa Lundmark
Editore: La Nuova Frontiera Junior
Pagine: 128
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 13,90 €

Jenny è una bambina timida e taciturna, a cui non piace alzare la mano in classe. Ama molto i libri sugli squali e le piace starsene in silenzio a leggere e disegnare con la sua amica Amina. Suo nonno invece non ama la solitudine, sente molto la nostalgia della nonna e passa le giornate a sfogliare vecchi album di fotografie. Ma forse, con l'aiuto di Jenny e Amina, il nonno può ritrovare una ragione di vita. E forse la visita all'acquario aiuterà Jenny a far capire alla sua classe cosa vuol dire essere uno squalo, silenzioso, forte e coraggioso, che non ha bisogno di mettersi in mostra o di parlare a voce alta.

Titolo:
 L'estate che ho dentro
Autore: Viviana Maccarini
Editore: Rizzoli
Pagine: 200
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 16,00 €

Sparire. È questo l’unico programma di Nina per l’estate. E non perché la sua vita non le piaccia. A dir la verità, la sua vita di prima non era affatto male: scuola, social, amiche e nuoto. Ma di tutto questo, dall’incidente in motorino, è rimasto ben poco. Solo profonde cicatrici, nascoste dalle bende che avvolgono un viso in cui Nina non si riconosce più. Così, mentre i suoi amici fantasticano su dove trascorrere le vacanze, Nina una meta ce l’ha già: Volpedo, lo sperduto paesino in collina dove abita il padre, Gabriel. È il posto perfetto per nascondersi dal resto dell’umanità. Anche se lì Nina non è affatto sola: c’è Tommaso, con i suoi misteri; c’è Alisha, la ragazza del minimarket, e poi c’è Filo, l’amico di una vita, che sa sempre dove trovarla. Quando nella sua mente cominciano a risuonare le parole dello psicologo dell’ospedale, che le ha consigliato di iniziare un diario, Nina ne crea uno virtuale, fatto di video, foto e riflessioni che posta sui social con lo pseudonimo di Mia. E quando i follower cominciano ad aumentare, insieme ai like e ai cuori sotto i post, per Nina è il momento di smettere di nascondersi, sfilare le bende e ricominciare. In un’estate che si porterà dentro per sempre.

14 maggio 2021

La recensione del film "The Father - Nulla è come sembra", al cinema in versione originale dal 20 maggio, in versione italiana dal 27

Recensione a cura di Mario Turco

Tuo padre, mio nonno, sua madre, la loro nonna, me che scrivo e te che leggi (si spera). “The Father – Nulla è come sembra”, di Florian Zeller, che arriva in Italia (col solito sottotitolo spoileroso) al cinema dal 20 maggio in lingua originale e dal 27 maggio in versione italiana grazie a Bim Distribuzione, ha l'invidiabile merito di riuscire a parlare di tutti noi a tutti noi. Senza piaggerie d'ecumenismo o sgrossate porzioni di sentimento ma con una storia di quotidiana demenza senile. Perché in un Occidente che invecchia sempre di più senza aver saputo adattare il suo welfare alle nuove esigenze, chiunque di noi si è già trovato alle prese con un parente affetto da qualche forma di Alzheimer. Il film di Zeller difatti è l'adattamento cinematografico della pièce teatrale dello stesso regista francese Il padre (2012), replicata con gran successo sui palcoscenici di Parigi, Londra e New York, già portata sul grande schermo da Philippe Le Guay in Florida (2015) ma che qui trova la sua forma più compiuta e tecnicamente rivelatrice. 


The Father – Nulla è come sembra racconta il tran-tran quotidiano del vecchio Anthony, interpretato da un Anthony Hopkins giustamente premiato con l'Oscar come miglior attore, che passa le sue giornate a litigare con la figlia e soprattutto con la propria mente debilitata, afflitta da perdite di memoria sempre più invasive. Il film ha per la prima parte un andamento da mind game che ricorda, pur senza nemmeno sfiorarne le vette concettuali, lo straordinario Sto pensando di finirla qui, di Charlie Kaufman. Zeller piega la macchina-cinema alla stessa esigenza narrativa e cioè dare forma compiuta ai buchi logico-euclidei di un cervello che si reinventa ogni giorno poggiando sì sulle stesse coordinate spazio-temporali conosciute anche dalla figlia Anne che lo accudisce, ma combinandoli in un modo inabile per la continuazione della sua stessa esistenza. La sceneggiatura, curata dallo stesso regista insieme a Christopher Hampton e premiata anch'essa con un Oscar (qui invece un po' generoso), si barrica dentro il suo stesso marchingegno per tutta la durata del film demandando all'empatia dei continui sconvolgimenti esperiti da Anthony – i cambi d'identità dei personaggi, la reiterazione e la reinvenzione di alcuni fatti e battute (“lì non parlano nemmeno inglese”), l'ossessione per gli oggetti e i posti (rispettivamente l'orologio e il nascondiglio del bagno) - la soluzione alle problematiche sollevate. Il concetto diventa visibilmente chiaro fin dal principio: anche un uomo brillante come Anthony, ex-ingegnere che sembra il prototipo perfetto del borghese affettato ma senza reali qualità, deve arrendersi al decadimento che gli fa dimenticare persino come si indossa un maglione, come vediamo nella scena del pre-finale forse più facile di un film che fino a quel momento era riuscito a scansare le banalizzazioni. 


Lo Zeller regista da lì in poi però rimane purtroppo ostaggio dello Zeller moralista che vuole indicare, a lui e allo spettatore, la direzione pietistica verso cui tendere. Quando il padre regredisce e torna ad essere figlio a fargli da madre deve essere l'infermeria di una clinica privata con la finestra sul giardino. In questo finale che vorrebbe essere il corollario di un teorema inattaccabile sulla necessità della cura deresponsabilizzata e deresponsabilizzante – e che come tante macchine concettuali basate sulla presunta potenza delle immagini basta invece anche una semplice disamina giornalistica a demolire – il film mostra allo stesso tempo la sua ambizione e la sua fragilità. The Father – Nulla è come sembra vuole ricomporre il caos della mente del suo protagonista mostrando infine come in realtà la visione dell'autore coincida con quella della figlia Anne, interpretata da Olivia Colman. Il perentorio titolo che mette al centro la figura del genitore non indica quindi la problematicità della figura familiare ma il suo ridimensionamento oggettivo, alluso dalla scelta dell'articolo determinativo. Depennata la demenza senile del padre e, crediamo di poter immaginare, estinta la vendita della casa che gli apparteneva davvero, si potrà volare a Parigi col nuovo compagno anche se “lì non parlano nemmeno inglese”, come diceva quel vecchio.

Al cinema il 7, 8, 9 giugno "Paolo Cognetti. Sogni di Grande Nord"

Paolo Cognetti. Sogni di grande Nord racconta un viaggio che ne contiene molti altri. C’è il viaggio di Paolo lo scrittore e Nicola l’illustratore, che prendono un aereo a Milano, atterrano a Vancouver e da là, con un camper preso in affitto, si dirigono a nord, fino in Alaska. Attraverso le immagini girate durante il tragitto e i frammenti di dialogo tra i due amici, emerge anche il viaggio personale che Cognetti compie a ritroso, per scoprire le sue radici di scrittore e di uomo. Perché i luoghi sulla strada richiamano alla memoria i grandi maestri che hanno avuto nella sua vita un valore ben più ampio di quello meramente letterario. La sepoltura di Raymond Carver; il Klondike di Jack London; i laghi pescosi di trote di Ernest Hemingway; la natura selvaggia di Thoreau: sono questi gli autori e i luoghi di cui Cognetti raccoglie il frutto, lasciandosi aiutare dalla parabola di Chris McCandless di Into The Wild, una figura che lo ha sempre ispirato nel suo percorso personale e che lo ha portato a essere tra gli ultimi viaggiatori a raggiungere il Magic Bus, rimosso solo pochi mesi fa dal luogo in cui giaceva abbandonato dal 1961, nel Parco Nazionale di Denali, in Alaska. 

 Scritto da Paolo Cognetti, Dario Acocella, Francesco Favale, e diretto da Dario Acocella, Paolo Cognetti. Sogni di grande Nord, è una produzione Samarcanda Film con Feltrinelli Real Cinema e con Rai Cinema con il sostegno della Film Commision Valle d’Aosta. Sarà distribuito nei cinema italiani da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio Deejay e MYmovies.it.
 

In libreria dieci classici della letteratura in edizione Pickwick



In libreria dall'11 maggio

Louisa May Alcott - Piccole donne
368 pg, 7,90 euro

Gustave Flaubert - Madame Bovary
416 pg, 8,90 euro

Johann Wolfgang Goethe - Le affinità elettive
288 pg, 7,90 euro

Nathaniel Hawthorne - La lettera scarlatta
240 pg, 7,90 euro

Alexandre Dumas - La signora delle camelie
256 pg, 7,90 euro

Fedor M. Dostoevskij - Le notti bianche
160 pg, 6,90 euro

Emily Brontë - Cime tempestose
416 pg, 8,90 euro

Charlotte Bronte - Jane Eyre
560 pg, 9,90 euro

Jane Austen - Orgoglio e pregiudizio
416 pg, 8,90 euro

Giovanni Verga - Storia di una capinera e altri romanzi
368 pg, 7,90 euro

13 maggio 2021

Recensione: The final six, di Alexandra Monir

Titolo:
The final six. Un pianeta da salvare
Autore: Alexandra Monir
Editore: HarperCollins Italia
Pagine: 317
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 16,00 €

Recensione a cura di Luigi Pizzi

Il mondo è stato devastato dai cambiamenti climatici: uragani, terremoti e tsunami hanno spazzato via o sommerso intere città. I sopravvissuti sono costretti a vivere una vita di stenti, stretti tra il dolore per le perdite subite e demoralizzati per un futuro che sembra già scritto. A Roma Leo, incapace di superare la morte dei genitori e dell'amata sorellina, dopo aver aiutato tante persone a recuperare oggetti sott'acqua grazie alla sua abilità di nuotatore e alla sua capacità di restare in apnea, decide di farla finita proprio abbandonandosi all'acqua, salvo poi cambiare idea dopo aver visto sfrecciare un catamarano della ESA - European Space Agency. Curioso per quella presenza insolita, Leo viene a scoprire dalla sua amica Elena, figlia del Primo Ministro, che l'Agenzia spaziale europea è giunta a Roma per annunciare i ventiquattro finalisti per la Missione Europa, pensata per inviare giovani astronauti a costruire una nuova casa sulla luna di Giove. Una curiosità destinata a trasformarsi in stupore prima ed euforia dopo quando scopre di essere proprio lui il ragazzo prescelto.  


Intanto a Los Angeles Naomi, selezionata per la sua genialità scientifica, ha una reazione decisamente opposta: la ragazza infatti, conscia dei pericoli della missione e legatissima al fratello malato, non ha nessuna intenzione di lasciare la propria famiglia. Così, non potendosi rifiutare di partecipare alle selezioni, Naomi decide di impegnarsi non solo nel portare alla luce i rischi della spedizione, ma anche nel dimostrare la presenza di vita aliena su Europa. Per far questo, la ragazza americana troverà un alleato inaspettato proprio nel giovane italiano, che pur desiderando ardentemente entrare nei sei finalisti, non può ignorare i sentimenti che prova nei suoi confronti. Quella che infatti nasce come una semplice amicizia, finisce ben presto per trasformarsi in un rapporto più profondo, mentre si avvicina inesorabile il momento della selezione finale...


The final six è il primo volume della saga fantascientifica di Alexandra Monir. Personalmente ho adorato questo romanzo e "divorato" le sue pagine, e purtroppo adesso dovrò attendere il mese di giugno per leggere il seguito! Il libro è ambientato completamente sulla Terra in uno scenario apocalittico spaventoso e, purtroppo, futuribile: i cambiamenti climatici hanno causato eventi atmosferici incontrollabili e gli uomini sono costretti a lottare quotidianamente con la furia della natura che si abbatte sulle loro vite a colpi di tsunami, terremoti e uragani. Finite le speranze di poter "riparare" questo mondo, l'unica possibilità arriva dallo spazio, e più precisamente da una delle lune di Giove, Europa, in cui la presenza di acqua allo stato liquido sotto la coltre di ghiaccio fa ben sperare sull'opportunità di terraformarla e colonizzarla. La missione però non può essere affidata ad adulti poiché soltanto i più giovani sono in gradi di tollerare i batteri resistenti alle radiazioni, rimanere fertili e procreare per dare vita ad un insediamento permanente. Per questo vengono selezionati ventiquattro ragazzi talentuosi, ognuno dei quali possiede competenze uniche e funzionali alla missione, che dovranno sottoporsi ad un addestramento intenso e faticoso per affrontare gli enormi pericoli dello spazio. La loro missione infatti, prevede prima una tappa su Marte per recuperare le provviste lasciate da una spedizione precedente, finita male subito dopo lo sbarco. Una missione avvolta dal mistero, così come lo sono i batteri che ogni giorno vengono inoculati nei giovani aspiranti. Di cosa si tratta esattamente? E' quello che cercherà di scoprire la protagonista, Naomi, ragazza intelligente e altruista, vero asso nell'uso delle nuove tecnologie, che si alterna nella narrazione a Leo, l'eccezionale nuotatore che cerca di dare un nuovo senso alla propria esistenza dopo la morte della famiglia per non affogare nel dolore. Oltre ai personaggi principali, sono presentati in questo primo volume gli altri concorrenti, tra i quali spicca il nipote del Presidente degli Stati Uniti, Beckett, nuotatore cinico e spietato, disposto a tutto pur di entrare tra i sei finalisti. Mentre tra gli adulti sono avvolti in una coltra di ambiguità il dottor Takumi e il generale Sokolov, che sembrano celare diversi segreti. 


Come detto, il romanzo si legge velocemente e cattura l'attenzione del lettore sin dalle prime pagine. Lo scenario apocalittico creato dall'autrice sulla Terra è tanto inquietante quanto credibile, e l'ipotesi della vita su Europa rappresenta una sfida affascinante già colta da altri romanzi di fantascienza, come 2010: Odissea due e 2061: Odissea tre di Arthur C. Clarke, L'ultimatum di Greg Bear, Ilium di Dan Simmons e La matrice spezzata di Bruce Sterling. I due protagonisti funzionano bene e si finisce subito per fare il tifo per loro, pur partendo da prospettive completamente diverse. Il ritmo narrativo è buono e la storia riserva diverse sorprese fino ad un finale decisamente inaspettato. Una nuova saga imperdibile per chi ama la fantascienza e i romanzi young adult.

Il trailer di "A Quiet Place 2", di J. Krasinski con E. Blunt. Al cinema dal 24 giugno

SINOSSI 
 In seguito agli ultimi tragici eventi, la famiglia Abbot (Emily Blunt, Millicent Simmonds, Noah Jupe) deve ora affrontare il terrore del mondo esterno, mentre continuano la loro lotta per la sopravvivenza, mantenendo ancora il silenzio. Costretti ad avventurarsi nell'ignoto, si renderanno presto conto che le creature a caccia del suono non sono le uniche minacce che si nascondono oltre il sentiero di sabbia.
 

12 maggio 2021

Recensione: L'oratore, di Marco Pollini

Titolo:
L'oratore
Autore: Marco Pollini
Editore: Santelli
Pagine: 133
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 13,99 €

Recensione a cura di Luigi Pizzi

Felice ha 20 anni e vive a Scampia. Nonostante un passato difficile alle spalle, fatto di soprusi e violenze, Felice continua a sognare un futuro diverso. Appassionato di libri, il ragazzo vorrebbe diventare un musicista, ma non potendo permettersi uno strumento per il momento si limita a comporre. Tutto cambia quando il suo unico amico Luca, un ragazzo ricco che frequenta le sue stesse biblioteche, gli consiglia di fare pratica con alcuni strumenti "liberi" presenti in città, come lo splendido pianoforte alla stazione dei treni di Mergellina o quello all'aeroporto. Proprio per suonare quest'ultimo però, il ragazzo finisce per litigare con Enzo, una guardia giurata. Estasiato dalla pratica e convinto di poter guadagnare con la propria arte, Felice decide di acquistare un pianoforte tutto suo ma per farlo, senza riflettere sulle possibili conseguenze, decide di chiedere in prestito dei soldi ad un usuraio della Sanità, un tale di nome Don Gennaro, promettendo di restituirli entro tre settimane. Grazie anche alla generosità dell'amico Luca, disponibile a prestarli il resto dei soldi e un mezzo di trasporto per il pianoforte, Felice si lancia nella sua nuova avventura artistica, iniziando a suonare in giro per la città. Per sua sfortuna però, il ragazzo si imbatte nuovamente in Enzo, che ubriaco se la prende anche con il piano, distruggendo lo strumento e i sogni di Felice. Mentre il rapporto con la madre continua a deteriorarsi, braccato dagli uomini di Don Gennaro il ragazzo finisce per rifugiarsi in una chiesa, dove tutto è pronto per un funerale. Qui i nipoti del defunto, non sapendo cosa dire durante l'elogio funebre, decidono di pagare Felice per fare il discorso. In modo del tutto casuale, grazie all'aiuto di un prete generoso, il ragazzo si trova a diventare ben presto un oratore "professionista", apprezzato da tutti e sempre più ricercato. Ma i suoi guai non sono ancora finiti...


L'oratore, romanzo d'esordio dello scrittore, regista e produttore Marco Pollini, è una sorta di favola moderna ambientata nella città partenopea, l'unica - come evidenziato nella stessa prefazione di Noemi Gherrero - dove tutto è possibile: "In nessun altro posto al mondo potevano anche solo ipotizzare che un ragazzino s'inventasse come mestiere, sempre assecondando il cuore, quello di leggere orazioni commemorative ai funerali e di essere pagato per questo". Il porre in evidenza questo aspetto favolistico è fondamentale per capire e leggere il libro nel modo giusto: non ci troviamo infatti davanti al classico romanzo di denuncia sociale, intriso di atmosfere cupe e drammatiche. Al contrario prevale la speranza e la violenza è filtrata dall'ottimismo del protagonista che prova ad andare oltre il passato e un futuro che sembra già scritto, come per la quasi totalità dei ragazzi nati nelle tossiche periferie italiane. Certo non mancano i luoghi comuni legati alla città partenopea, da Scampia alla camorra, ma essi, come detto, sono in qualche modo "alleggeriti" dalla scrittura di Pollini che punta non solo a offrire una visione ottimistica del futuro, ma anche a porre in risalto la potenza delle parole, ovvero la forza della narrazione (da cui il titolo emblematico). L'aspetto favolistico è importante anche per leggere in modo corretto la rapida sequela di avvenimenti che, diciamolo chiaramente, risultano poco credibili se analizzati in chiave realistica. In tal senso il romanzo, destinato presto a diventare un film, paga un po' la scrittura cinematografica, che se da una parte rende scorrevole la lettura dall'altra non permette di approfondire personaggi ed eventi che avrebbero reso più ricca la narrazione.

Il trailer di "The Father - Nulla è come sembra", di Florian Zeller con A. Hopkins e O. Colman. Al cinema dal 27 maggio

SINOSSI 
Anthony ha 81 anni. Vive da solo nel suo appartamento londinese e rifiuta tutte le persone che sua figlia Anne cerca di imporgli. Presto però Anne non potrà più andarlo a trovare tutti i giorni: ha preso la decisione di trasferirsi a Parigi con un uomo che ha appena conosciuto…Ma se è così, allora chi è l'estraneo che piomba all'improvviso nel soggiorno della casa di Anthony, sostenendo di essere sposato con Anne da oltre dieci anni? E perché afferma con tanta convinzione che quella dove vive è casa sua e della figlia? Eppure Anthony è sicuro che quello sia il suo appartamento. Sembra esserci nell'aria qualcosa di strano, come se il mondo ad un tratto avesse smesso di seguire le regole abituali. Smarrito in un labirinto di domande senza risposta, Anthony cerca disperatamente di capire che cosa stia succedendo attorno a lui. The father - Nulla è come sembra è il racconto di un uomo la cui realtà si sgretola pian piano davanti a nostri occhi.
 

11 maggio 2021

Libri che diventano film: aprile e maggio 2021

Addio Ceausescu. Tre giovani romagnoli alla scoperta e all'avventura oltre la Cortina di Ferro
- Maurizio Paganelli, Andrea Riceputi (Il Ponte Vecchio)


Da questo libro è tratto il film "Est-Dittatura last minute" che Oliver Stone ha definito "Bello, semplice, avvincente". Il viaggio in Romania è il racconto del conoscere strade, villaggi, città, monumenti, ma anche e forse soprattutto è avventura, vissuta con un senso di libertà e assai spesso con il gusto incoercibile del vietato e del proibito, ed è nello stesso tempo incontro con la miseria e l'arretratezza di un paese del cosiddetto socialismo reale: un orizzonte inatteso ed ignoto con il dramma di genti cui regimi totalitari rubano la bellezza, oscurano il desiderio, ammutoliscono la speranza. L'interesse suscitato da questa memoria di giovani all'avventura oltre la Cortina di Ferro consiste nel fatto che il loro viaggio si compie negli stessi giorni in cui un altro tempo giunge alla sua drammatica conclusione, e cioè nei giorni in cui la Romania si solleva contro il dittatore, meglio il Conducator, che ha tenuto il suo Paese nella miseria e nell'inganno per lungo numero d'anni. La fine di Ceausescu è la clausola di questo libro e forse è in grado di suscitare nel lettore una riflessione estrema, tra pena e catarsi: indica che - quando una lunga ininterrotta oppressione di popoli interi non può trovare giustizia - può capitare alla violenza di vestirsi di una qualche luce di giustizia [rc].

Est - Dittatura last minute, diretto da Antonio Pisu, con Lodo Guenzi e Jacopo Costantini. Al cinema dal 26 aprile 2021


Lei mi parla ancora
 - Giuseppe Sgarbi (Skira)


L’amore di Giuseppe Sgarbi per la moglie Rina, scomparsa un anno fa, è di quelli che non si trovano più. È stato un amore che ha dato pienezza, significato, profondità, valore e bellezza a una strada percorsa fianco a fianco negli anni, qui evocato in una “prosa piana, percorsa da echi e risonanze come ogni classicità” (Claudio Magris).

Lei mi parla ancora, diretto da Pupi Avati, con Renato Pozzetto e Stefania Sandrelli. Al cinema il 26 aprile 2021

Nomadland. Un racconto d'inchiesta
- Jessica Bruder (Edizioni Clichy)

Ogni giorno in America, il Paese più ricco del mondo, sempre più persone si trovano a dover scegliere tra pagare l'affitto e mettere il cibo in tavola. Di fronte a questo dilemma impossibile, molti decidono di abbandonare la vita sedentaria per mettersi in viaggio. In un mondo in cui basta un ricovero in ospedale al momento sbagliato per mandare in fumo i risparmi di una vita, in cui la previdenza sociale è praticamente inesistente e il peso dei debiti spinge molti alla disperazione, donne e uomini in età da pensione hanno iniziato a migrare da un lato all'altro del Paese attraverso i mezzi di trasporto più vari, tra un lavoro precario e l'altro. Tra loro Linda May: una nonna di 64 anni, dai capelli grigi, che vive viaggiando su un 28 piedi, e Bob Wells, diventato vero pilastro della comunità dei nomadi dopo anni di sofferenza e fallimenti. "Nomadland", nato dall'inchiesta «Dopo la pensione» (vincitrice del Premio Aronson 2015 per il giornalismo sulla giustizia sociale) ci accompagna in un viaggio indimenticabile attraverso la vita, i sogni e le speranze di questi nomadi del terzo millennio, per scoprire che, squarciato il velo illusorio del Sogno Americano, al di là è forse possibile scorgere una nuova realtà, più umana, più solidale, più bella.

Nomadland, diretto da Chloé Zhao, con Frances McDormand e David Strathairn. Al cinema il 29 aprile 2021


Shrine
- James Herbert (Inedito in Italia)

Il Sacro Male, il film diretto da Evan Spiliotopoulos, segue la storia di Alice (Cricket Brown), una giovane ragazza sordomuta, che dopo aver assistito all'apparizione della Vergine Maria, riacquista incomprensibilmente l'udito e la parola ed è in grado di compiere miracoli guarendo i malati. La notizia si diffonde rapidamente e una grande folla di persone si riversa nella piccola città del New England. Gerry Fenn (Jeffrey Dean Morgan), un giornalista non più all'apice del successo, nel tentativo di tornare alla ribalta, inizia ad indagare sul caso. Quando iniziano a susseguirsi una serie di spaventosi episodi che hanno a che fare con Alice, Gerry si domanda se dietro all'apparenza sacra ci sia una forza molto più oscura e malvagia.

Il Sacro Male, diretto da Evan Spiliotopoulos, con Jeffrey Dean Morgan e Cricket Brown. Al cinema il 20 maggio 2021


Gott, du kannst ein Arsch sein! - Frank Pape (Inedito in Italia)

Io Rimango Qui, film diretto da André Erkau, racconta la storia di Steffi (Sinje Irslinger), una sedicenne che sembra condurre una perfetta vita adolescenziale. Si è da poco diplomata al liceo, sogna di entrare a far parte del corpo di polizia e sta per partire per Parigi in gita scolastica, insieme al suo fidanzato Fabian (Jonas Holdenrieder). Durante il viaggio la ragazza ha progettato di perdere la verginità con lui e trascorrere così una romantica notte parigina. I suoi piani per il futuro, però, saltano, quando le viene diagnosticato un cancro incurabile e le viene comunicato che le è rimasto poco da vivere. I suoi genitori decidono così di non lasciarla partire per Parigi, per evitare ulteriori rischi. Ma Steffi, decisa a seguire i suoi sogni, si imbarca in un viaggio on-the-road per la Francia in compagnia di Steve (Max Hubacher), un ragazzo conosciuto da poco, che ha tutta l'aria del ribelle. Mentre Steffi sogna di raggiungere Fabian a Parigi e poter così trascorrere del tempo con lui tra le "rue" della capitale, i suoi genitori si mettono sulle sue tracce, decisi a riportarla a casa. Ha inizio un viaggio avventuroso, durante il quale la giovane capirà come e con chi impiegare veramente quel poco di tempo che le è rimasto.

Io rimango qui, diretto da André Erkau, con Sinje Irslinger e Max Hubacher. Al cinema il 20 maggio 2021


Dove tutto è a metà
- Federico Zampaglione, Giacomo Gensini (Mondadori)

Il Morrison Café è il tempio della scena musicale alternativa romana, e qui il giovedì sera suonano i Bangers, vent’anni e un rock “come un cielo sterminato e altissimo, bianco di nuvole trascinate via da un vento violento”. Lodo è il cantante. Grande talento e un’assodata allergia al palcoscenico, occhi azzurri magnetici e un’energia irrequieta che attende di potersi sprigionare, se solo lui sapesse come farlo. Lodo è innamorato di Giulia, una delle sue coinquiline, a Roma per studiare recitazione e cercare di sfondare come attrice, una ragazza intensa e carismatica che con la sua sola presenza è in grado di mandarlo in tilt e azzerargli i pensieri. Libero Ferri è un cantautore pop che un tempo riempiva gli stadi, ma dopo un paio di dischi sbagliati non riesce a venir fuori da un terribile blocco creativo. Il successo gli ha assicurato il benessere e una villa dotata di una sala d’incisione super accessoriata, in cui trascorre giornate frustranti a caccia di un’ispirazione che pare svanita. Accanto a lui Luna, la sua bellissima moglie, affermata press agent, sicura di sé, che da anni lo sostiene, ma che Libero teme di perdere, come ha perso il successo e la fama. Una ragione in più per cercare di mettere a segno il Grande Ritorno. Lodo sente che il mondo è là fuori, pronto a essere conquistato, ma talvolta gli sembra impossibile persino provarci. Vorrebbe essere più simile a Giulia, che affronta la grande città con coraggio, nonostante una famiglia lontana e ostile. Libero dal canto suo teme che il meglio per lui sia passato, ha bisogno di tornare a credere in ciò che fa, di ritrovare il se stesso di una volta. Luna invece vorrebbe spingerlo a vivere guardando avanti, magari mettendo al mondo un figlio. Strade che parrebbero destinate a non incontrarsi mai, quelle di Lodo e Libero, ma quando invece si incrociano, ecco scoccare la scintilla in grado di rimettere tutto in gioco. Tra amori e tradimenti, concerti travolgenti, party lussuosi, incomprensioni e riconciliazioni, successi, fallimenti e colpi di scena, i protagonisti si troveranno a fare i conti con i propri punti di forza e le fragilità, e a compiere scelte che condizioneranno le vite di tutti. Coniugando talenti e temperamenti in una jam session inattesa e sorprendente, Federico Zampaglione e Giacomo Gensini danno vita a un romanzo fresco, generoso e pieno di ritmo, che racconta l’amicizia, i sogni e le passioni di donne e uomini di generazioni diverse, disperatamente, come tutti, alla ricerca della felicità.

Morrison, diretto da Federico Zampaglione, con Lorenzo Zurzolo e Giovanni Calcagno. Al cinema il 20 maggio 2021



Il quaderno nero dell'amore
- Marilù S. Manzini (Rizzoli)

"Ogni atto sessuale svolto dai 3 partecipanti dovrà essere riportato su questo quaderno" recita la prima regola del Quaderno nero, un'agenda Louis Vuitton in cui tre amici annotano puntigliosamente i loro incontri e i segreti indicibili delle loro vite. Maria Vittoria designer d'interni, ha un fidanzato noiosissimo (figlio di un re della piastrella), si droga parecchio e colleziona odori di persone in indumenti conservati sottovuoto. Paola è un'aspirante starlet di rara bellezza, giornalista sportiva di una tv locale, che va a letto con chiunque per fare carriera, aizzata da una madre-mantide. Riccardo, accanito amatore seriale, sta conducendo alla rovina il locale alla moda che gestisce con madornale insipienza. Marilù S. Manzini costruisce un romanzo potente e leggero allo stesso tempo, che racconta con parole al vetriolo un mondo fatto di discoteche e privé di lusso, ambigue sale per casting di programmi televisivi di serie C e lenzuola che potrebbero raccontare un'odissea, tante ne hanno viste; un mondo al limite, dove i giochi pericolosi s'intrecciano al sesso più sfrenato e la vita pare una scommessa, divertente sì, ma soprattutto feroce. Un mondo dove nulla è impossibile, in cui camminare bendati al limitare del precipizio è pura e semplice normalità.

Il quaderno nero dell'amore, diretto da Marilù S. Manzini, con Emilia Verginelli e Michele Cesari. Al cinema il 27 maggio 2021

Il trailer de "Una donna promettente", con Carey Mulligan. Il film vincitore del premio Oscar come Migliore Sceneggiatura Originale, al cinema dal 13 maggio

Sinossi 
 Dalla visionaria regista Emerald Fennell (Killing Eve) arriva un nuovo appassionante thriller sulla vendetta. Tutti dicono che Cassie (Carey Mulligan) era una giovane donna promettente... fino ad un misterioso evento che ha brutalmente dirottato il suo futuro. Nella vita di Cassie però nulla è come sembra: è perfidamente intelligente, seducente e astuta, e vive una doppia vita segreta di notte. Ora un incontro inaspettato sta per dare a Cassie l'opportunità di rimediare agli errori del passato in questa avvincente e emozionante storia.