16 giugno 2014

La misura della felicità; Codice Beta (Michael Crichton) e tante altre novità in libreria dal 19 giugno

Titolo: La misura della felicità
Autore:
Gabrielle Zevin  
Editore: Nord
Pagine: 320
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 16,00 €


Dalla tragica morte della moglie, A.J. Fikry è diventato un uomo scontroso e irascibile, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (mentre quelli che non vende gli ricordano quanto il mondo stia cambiando in peggio) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di «abbassare i prezzi». Una sera, però, tutto cambia: rientrando in libreria, A.J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all’infanzia; ha in mano un biglietto, scritto dalla madre: Questa è Maya. Ha due anni.
È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e spiazzando tutti i suoi conoscenti), A.J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l’esistenza. Perché Maya è animata da un’insaziabile curiosità e da un’attrazione istintiva per i libri – per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell’affascinante mosaico di parole che riempie le pagine – e, grazie a lei, A.J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio, trovando infine il coraggio di aprirsi a un nuovo, inatteso amore…

Laureata in Lettere a Harvard, da diversi anni Gabrielle Zevin ha intrapreso con successo la carriera di scrittrice e autrice cinematografica. Nel 2007, per la sceneggiatura di Conversations with Other Women, il film con Aaron Eckhart e Helena Bonham Carter, è stata nominata agli Independent Spirit Awards, i prestigiosi premi per il cinema indipendente americano. Entrato nella classifica del New York Times grazie al passaparola dei lettori, La misura della felicità è in corso di traduzione in tutto il mondo ed è la conferma del talento di un’autrice unica.

Titolo: Il giudice e la rondine
Autore:
Andrea Fazioli
Editore: Guanda
Pagine: 128
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 16,00 €


All’inizio sembra che l’unico rischio sia la noia, per l’investigatore Elia Contini: tenere d’occhio un uomo su incarico della moglie. Il solito marito fedifrago? Niente affatto: Mario Madocchi, ex giudice allontanato dalla magistratura e reinventatosi ristoratore, è alle prese con una storia assai più oscura di ricatti e minacce. Fino a che la quiete apparente fra il lago e i monti viene infranta da un omicidio... E Contini si ritrova stretto fra un inatteso intrigo sentimentale e un caso più serio del previsto.

Andrea Fazioli, nato nel 1978, vive a Bellinzona, nella Svizzera italiana. Con L'uomo senza casa (2008) ha vinto il Premio Stresa di Narrativa e con La sparizione (2010) il Premio Fenice Europa. 

Titolo: Niente di serio
Autore:
Pelham Grenville Wodehouse
Editore: Guanda
Pagine: 252
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 17,50 €


Il Drones Club è un circolo di anime elette, gentiluomini troppo sensibili per le fatiche del lavoro e desiderosi di sfuggire agli assilli di mogli e fidanzate. Il loro ritrovo è un’oasi di pace in un mondo caotico, l’occasione di dedicarsi ai passatempi che rendono la vita degna di essere vissuta: un drink tonificante, un buon sigaro, una gara di freccette. E il prediletto gioco del golf, per il quale tutti condividono la stessa, maniacale fissazione. Non può mancare, in un circolo di tale livello, il piacere di una conversazione tra spiriti affini. Così, tra un sorso di martini e un bicchiere di porto, i membri del club raccontano le loro spassose avventure. Pongo Twistelton è alle prese con un fantasma del passato, la sua vecchia tata, chiamata dalla moglie per occuparsi del loro primogenito. Minacciato dai ricordi imbarazzanti dell’ex istitutrice e dall’assidua vigilanza sulla sua attività di infaticabile scommettitore e amante dei piaceri della tavola e del bar, Pongo dovrà ricorrere a tutta la sua astuzia per riconquistare la libertà. Freddie Widgeon, in vacanza nella stessa località di mare della promessa sposa e del futuro suocero, viene ingiustamente accusato di aver ceduto alle malie di una bionda appariscente ed è coinvolto in un’imbarazzante commedia degli equivoci. Ambrose Gussett, provetto giocatore di golf, accetta di abbassarsi al primitivo gioco del tennis per amore di una fanciulla, con esilaranti conseguenze. Queste e altre storie di amori complicati, beffe e ossessioni sportive sono al centro degli irresistibili racconti di P.G. Wodehouse.

Pelham Grenville Wodehouse nacque a Guilford nel Surrey, nel 1891. Visse in Inghilterra, in Francia e negli Stati Uniti, di cui nel 1955 divenne cittadino. È morto nel 1975. I suoi circa novanta romanzi, tradotti in tutto il mondo, hanno conosciuto un ininterrotto successo di pubblico. Tra i cicli narrativi più celebri, oltre a quello di Blandings, vi sono quello di Jeeves e quello di Mulliner.

Titolo: Saggio sul luogo tranquillo
Autore:
Peter Handke
Editore: Guanda
Pagine: 120
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 13,00 €


Il Luogo Tranquillo, intorno al quale Peter Handke intesse un’intricata e seducente trama di memorie, immagini, pensieri, divagazioni, in questo libro sospeso tra il racconto e il saggio, non è certo quello che il lettore si aspetta. Che si tratti di una cascina rurale nel Sud della Carinzia, di un collegio o di una stazione ferroviaria; che ci si trovi nei giardini di un tempio giapponese o in un parco pubblico in Portogallo, poco importa. Il Luogo Tranquillo, spogliato nel ricordo di tutte le implicazioni più prosaiche e terrene, diventa per l’autore, fin dall’adolescenza, una postazione privilegiata, un punto d’osservazione e d’ascolto di sé e del mondo circostante, dal quale temporaneamente lo separa, lo protegge, perché possa poi farvi ritorno più forte, invulnerabile, quasi. I sensi, in quello spazio ridotto, si fanno più acuti, e più nitida è la percezione della qualità e della materialità di luci e suoni. Lì capita di interrogarsi sulla propria identità e sul senso della propria presenza in un dato posto e momento, o di trovarsi all’improvviso di fronte a un sosia, al «doppio». Qualche volta il Luogo Tranquillo è teatro di agnizioni, incontri imprevisti, e offre scorci inediti sui nostri simili, di oggi e di ieri, favorendo trasformazioni e trapassi. Decisivi, per uno scrittore, «quei passaggi, immediati, dal mutismo, dalla condizione in cui si è colti da mutismo, al ritorno del linguaggio e delle parole», che lo restituiscono al mondo e agli altri «ricolmo della voglia di parlare».

Peter Handke, nato a Griffen, in Austria, nel 1942, è romanziere, drammaturgo e poeta. Come regista, ha realizzato nel 1978 La donna mancina. Nel 2014 gli è stato conferito l'International Ibsen Award. 

Titolo: Quando nascono i desideri
Autore:
Lucy Dillon
Editore: Garzanti
Pagine: 450
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 17,60 €


Una lettera scritta dall'unico uomo che abbia sempre amato. Una copia di Piccole donne, il suo libro preferito quand'era bambina. Un vaso di vetro, che riflette la luce anche nelle buie giornate d'autunno. Le mani di Gina si soffermano con tocchi delicati sugli oggetti che fanno capolino dagli scatoloni. Accanto a lei Buzz: due dolci occhi marroni, una coda che sembra non voler mai stare ferma, quattro zampe che mettono confusione e allegria ovunque. Seduta nella sua nuova casa, Gina sente un timido sorriso affiorarle alle labbra. È il primo giorno della sua nuova vita.
Dopo il fallimento del matrimonio con Stuart, Gina ha deciso di non voltarsi indietro e di guardare al futuro. Ha lasciato il marito, cambiato casa e deciso di mettere in vendita o dare in beneficenza tutti gli oggetti della sua vita precedente. Vuole salvarne solo alcuni, quelli a cui è più legata, quelli che le riportano alla mente ricordi felici, quelli che parlano della vera Gina. Proprio così, cercando di disfarsi di una bicicletta, un po' per fortuna un po' per caso, ha trovato Buzz. E Buzz ha trovato lei. Un nuovo amico che, giorno dopo giorno, riesce a riempire il vuoto che si era creato nella sua vita. Che riesce a farle capire quanto siano preziose le piccole cose che la circondano. E quando il suo lavoro di restauratrice le offre l'occasione che da sempre aspettava, Gina trova finalmente il coraggio di aprire il suo cuore alla speranza e, forse, anche all'amore. Ma se è vero che i desideri si esprimono solo a occhi chiusi, le servirà tutto il fiuto di Buzz per orientarsi tra i mille imprevisti della sua nuova vita.

Lucy Dillon divide la sua vita fra Londra e la Wye Valley, dove ama passeggiare con i suoi basset hound Violet e Bonham. Con Garzanti ha pubblicato con successo anche Lezioni di ballo, Il rifugio dei cuori solitari e Piccoli passi di felicità.

Titolo: Codice Beta
Autore:
Michael Crichton
Editore: Garzanti
Pagine: 238
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 16,40 €


Deserto dello Utah. La sagoma scura di un treno blindato attraversa la notte. All'improvviso, un'esplosione scuote il silenzio del deserto. Il treno si ferma, un gruppo di uomini armati circonda i portelloni avvolti dal fumo. I gesti sono rapidi e precisi. Il loro obiettivo anche: sottrarre due grosse bombole d'acciaio, una gialla, l'altra nera. Al loro interno, accuratamente separati, gli agenti binari di un potentissimo gas nervino destinato al dipartimento della Difesa. È un'arma chimica letale dal potenziale devastante, capace di mettere in ginocchio – se si verificasse il temutissimo scenario chiamato in codice «Beta» – la più potente democrazia del mondo occidentale. San Diego, qualche giorno dopo. Mancano poche ore all'arrivo del presidente degli Stati Uniti, quando i servizi segreti collegano il furto nello Utah al sorvegliato speciale John Wright, rampollo di una famiglia di industriali e matematico talentuoso, divorato dal risentimento verso una società che considera sbagliata e che vuole sovvertire. A tenergli testa è un agente che lo conosce molto bene, John Graves: solo il suo intuito ha una possibilità di svelare l'indecifrabile piano di Wright per diffondere il gas binario. I due si fronteggiano in una sfida psicologica al cardiopalma, un conto alla rovescia per mettere in salvo la vita non solo del presidente degli Stati Uniti, ma di tutta la popolazione della costa occidentale.

Michael Crichton (Chicago, 1942 – Los Angeles, 2008) è uno dei più grandi autori di bestseller al mondo, noto anche come regista cinematografico e autore della serie televisiva E.R. Medici in prima linea. I suoi libri hanno venduto duecento milioni di copie e sono stati tradotti in trentotto lingue; da tredici di essi sono stati tratti dei film. In Italia sono tutti pubblicati da Garzanti, da In caso di necessità a Next, L'isola dei pirati e Micro.
 
Titolo: Autostop per l'Himalaya
Autore:
Vikram Seth
Editore: Longanesi
Pagine: 256
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 16,40 €


Nell’estate del 1981, Vikram Seth non ha ancora scritto i romanzi che lo renderanno celebre in tutto il mondo: è uno studente indiano della Stanford University che, innamorato della lingua e della cultura cinese, frequenta un corso biennale all’Università di Nanchino. Durante una gita di gruppo organizzata dall’ateneo, e in previsione del rientro a Delhi per le vacanze, Seth si lascia sedurre da un’idea folle e quasi impraticabile per uno straniero: tornare a casa attraversando il Tibet e il Nepal. Per inseguire il sogno proibito di ogni viaggiatore alla ricerca di avventura, Seth dovrà di volta in volta riconsiderare il proprio itinerario – percorso per lo più a bordo di camion scomodi e sgangherati – e far fronte a ostacoli e imprevisti di ogni sorta. Tra strade rese inagibili dalle piogge, guasti meccanici, malesseri dovuti all’altitudine e pastoie burocratiche, pagina dopo pagina vedremo snodarsi un viaggio pieno di sorprese e dal sapore antico, che ci condurrà dall’esotica Ürümqi alle alture del Qinghai, e poi sempre più su, fino al nobile cuore di Lhasa.

Vikram Seth è nato a Calcutta nel 1952. Dopo aver studiato economia alla Stanford University, ha effettuato numerosi viaggi, trascorrendo lunghi periodi in Inghilterra, California, India e Cina. Presso Guanda è uscita la nuova edizione della raccolta di poesie Golden Gate (2012). Autostop per l’Himalaya ha vinto il Thomas Cook Travel Award, uno dei più importanti premi per la letteratura di viaggio. 

Titolo: Re senza Dio
Autore:
Bernard Cornwell
Editore: Longanesi
Pagine: 368
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 17,60 €


Nono secolo dopo Cristo. Dopo la morte di re Alfredo il Grande, lo scettro è passato al figlio Edoardo, e nella Terra degli Angli sembra regnare la pace: a nord dominano i danesi, a sud i sassoni. Ma una così lunga quiete, che troppo spesso consente ai più timorosi e irresoluti di comandare, mette a dura prova l’animo dei veri guerrieri. Tra loro c’è Uhtred, uno dei più famosi uomini d’arme del defunto sovrano, soldato sassone cresciuto tra i vichinghi. Malvisto dai consiglieri del nuovo re e ormai caduto in disgrazia, viene bandito dal regno in occasione di uno sconsiderato scoppio di rabbia. Respinto tanto dai cristiani quanto dai pagani, Uhtred parte per il nord con i pochi uomini che gli sono rimasti fedeli, per compiere una temeraria impresa: riconquistare Bebbanburg, la più inespugnabile fortezza della Terra degli Angli, che da generazioni appartiene alla sua famiglia. Intanto quella pace, che in realtà è solo apparente, comincia a incrinarsi. Cnut Spadone, il più temuto e crudele dei signori danesi, vuole vendicare il rapimento della moglie e del suo erede: tutti i regni della Terra degli Angli vengono così coin - volti in una sanguinosa guerra che dovrà decidere le sorti dell’isola. E toccherà a Uhtred, e al suo minuscolo esercito di reietti, fare in modo che la battaglia finale avvenga nel luogo e nel momento da lui scelti...

Bernard Cornwell è nato a Londra e si è laureato alla London University. Dopo aver lavorato per molti anni presso la BBC, si è dedicato alla narrativa. Oltre alla serie incentrata su Richard Sharpe, ha scritto moderne avventure di mare, la trilogia dedicata alla ricerca del Graal e altri romanzi di successo. Con L’ultimo re ha dato inizio a una serie in cui il mito e la storia del declino dei regni anglosassoni si fondono in un affresco appassionante. Come ha scritto il Washington Post, «Bernard Cornwell è probabilmente il più grande scrittore di romanzi storico-avventurosi di oggi.» 

Titolo: Lungo le strade della nostra vita
Autore:
Eloy Moreno
Editore: Corbaccio
Pagine: 378
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 16,40 €


Alicia, insegnante precaria, si è trasferita a Toledo per un incarico temporaneo. A centinaia di chilometri di distanza dal marito e dalla solita vita, si immerge nel fascino di una cittadina medievale ricca di mistero di cui vorrebbe conoscere tutti i segreti, del presente e del passato. Aiutando una sua allieva, vittima di un episodio di bullismo, Alicia incontra Marcos, un poliziotto, un uomo affascinante e complicato, che accompagna Alicia per le vie della città: le racconta quante cose succedono, quante ingiustizie, quanta rabbia, quanta corruzione si nasconde dietro le finestre delle case: Alicia è affascinata da Marcos, sente che si sta innamorando. Eppure capisce che anche lui le tiene nascosto qualcosa, anche lui ha un segreto. E forse il suo segreto ha che fare con un uomo misterioso che di notte gira per la città alla ricerca di graffiti sui muri che raccontano una storia d’amore che sopravvive al tempo…

Eloy Moreno è uno dei maggiori fenomeni editoriali spagnoli degli ultimi anni. Di professione informatico, nel 2011 ha pubblicato a sue spese «Ricomincio da te» sapendo di aver scritto un libro speciale. Lo ha promosso andando di libreria in libreria finché non ha trovato un editore interessato ad acquistarne i diritti. Il libro è destinato a diventare un successo da 200.000 copie nella sola Spagna, seguita a ruota da altri paesi fra cui l’Italia dove «Ricomincio da te», pubblicato da Corbaccio, è stato fra i migliori esordi del 2012. Il suo secondo romanzo, sempre pubblicato da Corbaccio, è «Lungo le strade della nostra vita».

Titolo: Incontri impossibili
Autore:
Zoran Zivkovic
Editore: TEA
Pagine: 122
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 11,00 €


E se si potesse scegliere di tornare indietro, una volta varcata l'ultima soglia? Se si potesse guardare attraverso una finestra la nostra prossima vita? E se in giorno, arrivando in cima a una vetta avvolta dalle nubi, si potesse incontrare chi saremo tra vent'anni? o magari incontrare Dio in uno scompartimento ferroviario, e porGli una domanda, oppure il diavolo in un confessionale? E se un libraio potesse parlare con il protagonista di un romanzo? E se infine uno scrittore incontrasse i suoi personaggi e scoprisse cosa fanno quando finiscono di recitare la loro parte... Con la consueta maestria, che unisce le più insolite acrobazie dell'immaginazione a una scrittura che accompagna dolcemente, Živković ci regala sei nuove «storie impossibili» ma incredibilmente realistiche, come se avesse deciso di rispondere alla domanda che prima o poi ci poniamo tutti: «E se potessi incontrare...?»

PUOI ACQUISTARE I LIBRI QUI

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...