giovedì 31 luglio 2014

"Colpa delle stelle" o semplicemente il film più emozionante dell'anno!

"Alcuni infiniti sono più grandi di altri" come alcuni film sono più potenti di altri. Quando ti siedi al buio in una sala e inizia a vedere Colpa delle stelle, il mondo intorno a te scompare e vieni catapultato nella dura realtà di Hazel Grace Lancaster e Augustus Waters, due "sopravvissuti" alla silenziosa battaglia con il peggiore dei mostri, il cancro, che diventa parte di te senza che tu te ne accorga. Costretta a respirare con l'ausilio dell'ossigeno lei, a camminare senza una gamba lui, i nostri giovani eroi si incontrano in gruppo di sostegno e si innamorano perdutamente, alla faccia del mostro! Due mine vaganti pronte ad esplodere in qualsiasi momento... Tratto dal capolavoro di John Green, il film di Josh Boone tiene testa al romanzo. Merito degli sceneggiatori che senza stravolgere nulla si sono "limitati" a sintetizzare il testo di Green.

Ma soprattutto merito di Shailene Diann Woodley Ansel Elgort, che con mia grande sorpresa riescono nell'impresa di "materializzare" due personaggi complessi come Hazel e Augustus. La ventitreenne Shailene Woodley, dopo l'ottima impressione in Paradiso amaro e la buona prova in Divergent, "esplode" definitivamente con questo film, candidandosi a diventare la nuova Jennifer Lawrence. Mentre per molti aspetti risulta ancora più sorprendente l'interpretazione di Ansel Elgort, bravo a trasmettere tutta la positività, l'umorismo, la voglia di vivere e la profondità di Augustus Waters.

A suggellare il tutto la bella fotografia curata da Ben Richardson e l'incredibile colonna sonora, tra cui spiccano le canzoni All of the stars di Ed Sheeran e Non about angels di Birdy. Un film che parla di sofferenza e dolore, accettazione della diversità, ma soprattutto dell'amore come carburante dell'anima, capace di dare un senso alla vita. "L'amore è una malattia dalla quale non vuoi guarire".

Se la paura di Augustus Waters è quella dell'oblio, Colpa delle stelle non corre questo pericolo. Toccante, poetico, intenso, appassionante, doloroso, divertente, sconvolgente: in una sola parola INDIMENTICABILE. Il 4 settembre non perdetevi il film più emozionante dell'anno!

 
PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

98 giorni 14 h 52 minuti 31 secondi
L’ANGOLINO