31 dicembre 2014

Recensione: INTERNET APOCALYPSE di Wayne Gladstone

Titolo: Internet Apocalypse
Autore:
Wayne Gladstone
Editore: Multiplayer.it
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo copertina: 14,90 €


Recensione a cura di Marika Bovenzi

Internet Apocalypse è un romanzo fantascientifico scritto da Wayne Gladstone e pubblicato in Italia da Multiplayer edizioni. Si tratta di un libro audace e provocatorio. Internet è scomparso a New York. I cittadini sono nel panico, l’economia è in stallo e nella città regna il caos. I più importanti social come Facebook, Twitter, Youtube non funzionano. Nessuno, neanche il presidente degli USA può accedervi. Il panico ben presto si dirada, e i cittadini di New York trovano nuovi metodi per passare il tempo lontani dal web.

Nonostante l’apparenza però, si vocifera che da qualche parte all’interno della città si nasconda ancora Internet… chi partirà alla ricerca della rete per capire come mai non si è più connessi? Chi riuscirà ad aggiustare le cose? Ci penserà Gladstone, disilluso impiegato newyorkese; con un semplice borsalino e una fiaschetta di whiskey, partirà insieme al blogger Tobey e all’affascinante webcam girl Oz per scoprire la verità e riportare Internet alla normalità. Il famigerato trio si ritroverà alle prese con minacce terroristiche, club a luci rosse, un celato segnale Wi-fi, e zombie \ persone in astinenza della droga-rete.

I protagonisti son ben delineati e ognuno ha un ruolo ben preciso all’interno del romanzo. Gladstone disilluso cittadino, senza tante aspettative, diventa a tratti un picaro dell’era moderna, a tratti un’eroe senza macchia; Tobey, un bambinone iperattivo di ventinove anni; Oz, una ventiquattrenne australiana più simile a una bambola gotica che ad un’esperta informatica. Lo stile è ironico, pungente, a tratti tagliente e crudo. Il romanzo è una sorta di diario tenuto dallo stesso Gladstone con tanto di note e appunti. Le tematiche trattate al suo interno sono molteplici: alcol, droga, sesso, l’ossessione per i social network, i rischi e pericoli del web, internet come forza motrice, la rete come fonte di guadagno, le diversità dell’era moderna rispetto agli anni precedenti e il benessere che ne deriva.

Un romanzo che si può interpretare da un lato come una denuncia alla società moderna, che basa tutto (dagli affetti, alle relazioni, al successo) sull’importanza della semplice connessione; dall’altro come un inno all’essere umano, capace ancora di relazionarsi, di ricostruire e di andare avanti, nonostante le difficoltà. Consiglio questo libro a chi ha voglia di leggere un romanzo originale, intelligente, a tratti onirico e sbalorditivo.

“Quando ci fu il grande crash non andò affatto come temevamo. Non ci fu panico. Niente lacrime. Solo gente che batteva i pugni sul tavolo e imprecava. Internet non funzionava più, e cliccare su Aggiorna non serviva a niente anche “ Ctrl, alt, canc” era inutile. Nessuno aveva Internet da nessuna parte. E non sapevamo perché. L'elettricità, l'acqua corrente e persino la televisione non avevano subito danni...”

L'AUTORE
Wayne Gladstone, che si firma semplicemente Gladstone, è un umorista e giornalista americano. È il creatore, sceneggiatore e protagonista della serie web Hate by Numbers, ed è un collaboratore abituale di Indecision Forever, di Comedy Central e di Cracked.com. 

PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...