20 ottobre 2017

Recensione: Mirror mirror, di Cara Delevingne e Rowan Coleman

Titolo: Mirror mirror
Autore: Cara Delevingne, Rowan Coleman

Editore: De Agostini
Pagine: 379
Anno di pubblicazione: 2017
Prezzo copertina: 16,90 €


Recensione a cura di Marika Bovenzi

Non è come sembra. La verità dello specchio è sempre capovolta”. Questa espressione racchiude a pieno i sentimenti forti e contrastanti del primo e interessante romanzo di Cara Delevingne, una delle più famose modelle e attrici londinesi. Quest’ultima, coadiuvata dall’autrice bestseller Rowan Coleman, ha dato vita ad un vero e proprio scritto di formazione, in cui i protagonisti affrontano le problematiche, le gioie e i dolori dell’adolescenza, un’età in cui ogni ragazzo si ritrova a ricercare la propria identità, a scontrarsi con un rapporto conflittuale e ostile verso i genitori, a guardarsi allo specchio e a
distoglierne lo sguardo. E proprio partendo dalla tematica dello specchio - un oggetto che può essere sia un amico che un nemico per un adolescente, le autrici ci narrano la storia di un gruppo di ragazzi londinesi alla prese con un’età turbolenta, ostacoli, eventi terribili e adulti ferrei. 

Foto di Andrea Ginelli
Protagonisti sono Red, Leo, Naomi, e Rose, ribelli quanto talentuosi, accomunati da un’unica grande passione: la musica. Tutti e quattro hanno fondato una band, i Mirror, Mirror, che considerano come una famiglia inseparabile. I problemi cominciano quando Naomi scompare per poi essere ritrovata mezza morta e trasportata d’urgenza in ospedale, dove giace senza svegliarsi. Alcuni ipotizzano addirittura si tratti di suicidio, vista l’indole tormentata e il passato della ragazza. Gli adulti come genitori, poliziotti e medici sono impassibili e non esitano a dare adito ai pregiudizi, mentre gli amici sono fermamente convinti che si tratti di altro, di qualcosa di più grave. Red, Rose e Leo si fanno coraggio e, nonostante tormenti e drammi familiari personali, non si danno per vinti e cominciano a indagare a fondo su tutto ciò che riguarda la vita della compagna, mettendo in luce particolari scabrosi, pettegolezzi crudeli e scandali raccapriccianti. Riusciranno i Mirror, Mirror a riscattare Naomi?

pombomanco.tumblr.com
Lo stile è diretto e fluido e la narrazione ha un ritmo incalzante e veloce. Il linguaggio è caratterizzato dai tipici slang giovanili che sottolineano l’importanza dei social network nella vita dei personaggi. Non a caso all’interno del romanzo, interi capitoli narrati in prima persona da Red si alternano a pagine di messaggi scambiati tra i personaggi. Per quanto riguarda l’ambientazione, Londra è il set di questo profondo viaggio nelle anime adolescenziali, ma è appena accennata e quasi fa da margine a tutto il worldbuilding del romanzo. Il vero fulcro, nonché cuore pulsante, sono i quattro adolescenti: Red, batterista del gruppo, è un ragazzo insicuro, timido e introverso. Durante lo sviluppo della storia, subirà una notevole trasformazione, acquistando fiducia in se stesso e coraggio di cambiare e prendere in mano le redini della sua vita per inseguire i propri sogni e dare vita alle proprie passioni, senza vergognarsi di un padre perennemente assente ed una madre alcolista; Leo, il chitarrista, è invece il tipico giovane bello e dannato che ha tanto successo con le ragazze quanto miriadi di paure celate da acuti, forti e graffianti assoli.
Paure instillategli da suo fratello Aaron, un delinquente che gli ha quasi rovinato la vita trascinandolo in un baratro oscuro. Il suo percorso sarà costellato di lotte familiari e scontri fraterni, fino a quando non abbandonerà il suo guscio divenendo coraggioso e forte nell’affrontare la sua famiglia; La controparte femminile non ha certo uno stile di vita rose e fiori. Rose ha tutto ciò che una ragazza della sua età potrebbe desiderare: è bellissima, ricca e talentuosa, ma le manca l’affetto e la protezione paterna da quando suo padre ha sposato una donna molto più giovane. Spesso, inoltre, per attirare la sua attenzione e sfogare la sua frustrazione, Rose si lascia andare buttandosi a capofitto in sregolatezze. Ben presto però, imparerà ad accettarsi e ad amarsi senza ricorrere ad espedienti e ad elemosinare affetto. Ed infine Naomi, la ragazza che oserei definire la più fragile tra i quattro. Ha avuto un passato violento e turbolento, fatto di depressione, sfrenate eccedenze e cattive abitudini. Solo la musica è riuscita a farle da ancora e da salvagente, riportandola a galla dal marasma di miserabilità e tristezza in cui stava affogando. 

Le tematiche affrontate dalle autrici come l’accettazione o la negazione di se stessi, l’esasperazione e il degrado familiare, gli eccessi visti come unica via di fuga, il potere terapeutico della musica e dell’amicizia, il cameratismo non sono nuove e potrebbero risultare ovvie e ripetitive. Ma è proprio a questo punto che il romanzo si distingue da tutta la narrativa straniera di formazione: Cara Delevingne ci racconta in modo profondo e quasi viscerale il senso di ribellione e di oppressione che ogni adolescente si ritrova ad affrontare; l’impulso forte di contravvenire alle regole e di infrangerle; il desiderio ardente di sfasciare il mondo ordinario e ligio degli adulti; le miriadi di identità che un ragazzo si ritrova a vestire per affrontare il mondo, divenendo ora un amico, ora un figlio, ora un amante.

In conclusione è uno scritto che invita a riflettere su noi stessi, su quanto sia difficile e doloroso diventare adulti, e sull’amare incondizionatamente ciò che vediamo riflesso al nostro specchio. Consigliatissimo!


LE AUTRICI
Cara Delevingne è una delle donne più influenti della sua generazione. Nata a Londra, ha raggiunto il successo mondiale nel 2009 ed è stata nominata Modella dell’Anno ai British Fashion Awards nel 2012 e nel 2014. Ha iniziato la sua carriera da attrice nel 2012 con un primo ruolo nell’adattamento cinematografico di Anna Karenina, e da allora ha preso parte come protagonista in film come Città di Carta, Suicide Squad, Valerian e la città dei mille pianeti e Life in a Year. Mirror, Mirror è il suo primo romanzo. Cara Delevingne ha scritto Mirror, Mirror insieme all’autrice bestseller Rowan Coleman. Rowan vive con la sua numerosa famiglia e i suoi due cani in una casa molto affollata nell’Hertfordshire. Divide il suo tempo tra la famiglia e l’attività di autrice di narrativa per adulti e per ragazzi. 

PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI