7 luglio 2021

Libri & Cultura consiglia: Ambienti di apprendimento e progettazione didattica. Proposte per un sistema educativo transmediale, di Pierpaolo Limone

Titolo:
Ambienti di apprendimento e progettazione didattica. Proposte per un sistema educativo transmediale
Autore: Pierpaolo Limone
Editore: Carocci
Pagine: 174
Anno di pubblicazione: 2021
Prezzo copertina: 19,00 €

Il volume, in una nuova edizione rivista e aggiornata, analizza l’evoluzione degli oggetti culturali nei contesti dell’apprendimento formale. Il libro (che sia digitale o cartaceo), le risorse open o le autoproduzioni sono divenuti elementi strutturali dell’aula contemporanea, e “attrezzi del mestiere” dell’insegnante tecnologico: la rivoluzione digitale della classe scolastica e del fare didattica, tra discontinuità evidenti e punti di frattura talvolta irreversibili, è stata innescata dall’introduzione massiva di strumenti dalla tecnologia futuristica, dalla modificazione profonda degli ambienti e dai nuovi modelli incentrati su narrazioni transmediali. Inoltre, la dimensione “collaborativa” della didattica digitale ha innovato i metodi e l’expertise dei docenti, impegnati a rimodulare costantemente i contenuti delle lezioni. L’autore delinea i tratti salienti delle discontinuità rintracciabili negli ambienti di apprendimento, attraverso la discussione di indagini teoriche ed esperienze empiriche che da anni animano il dibattito scientifico. I mutamenti in atto nel contesto didattico hanno prodotto effetti macroscopici e tangibili, come la trasformazione del libro di testo, vessillo della didattica tradizionale, o latenti e più difficilmente osservabili, come la diffusione di nuovi approcci alla conoscenza.

INDICE
Premessa. Contesti di apprendimento e prospettive di integrazione di Nicola Paparella
Introduzione

1. La rivoluzione digitale e i nuovi ambienti di apprendimento
Ancora una rivoluzione digitale?/Multiliteracies e innovazione didattica/Educazione e sfide sociali/Libri di testo dopo la rivoluzione digitale/Risorse digitali per la didattica, tra industria e auto-produzione/Esperienze transmediali, ubiquitous learning e partecipazione/Cl@ssi 2.0, una strategia nazionale per innovare gli ambienti di apprendimento/“Libro aumentato” e ibridazioni editoriali/Autoproduzioni come laboratorio editoriale/Progettazione partecipata come opportunità didattica
2. Modelli didattici e tecnologie digitali
Nuovi paradigmi di ricerca/Verso un modello di ricerca interdisciplinare/Apprendimento ubiquo: il mondo-classe, la classe nel mondo/L’evoluzione delle narrazioni: distribuzione di media, luoghi e tempi del racconto/Dalle multiliteracies alle transliteracies/Il modello didattico del LBD/Dialogo tra gli attori della formazione e potenzialità delle tecnologie didattiche: il conversational framework/Una proposta di integrazione tra LBD e conversational framework
3. Ambienti di apprendimento “open”
MOOC/Open university/Open educational resources/Distance learning university/Interazioni, prospettive e resistenze delle risorse “open”/Dematerializzazione del libro di testo o una nuova testualità diffusa?
Appendice 1. Le pratiche transmediali in classe di José Luis Rodríguez Illera e Núria Molas
Appendice 2. Prospettive contemporanee per ambienti di apprendimento digitali di Giusi Antonia Toto, Lucia Maria Borrelli, Luigi Tateo, Sara Perrella e Piergiorgio Guarini
Bibliografia

Pierpaolo Limone è professore ordinario di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione e rettore dell’Università di Foggia, nonché co-fondatore della piattaforma EduOpen, che ospita altre 30 università pubbliche e private, e vicepresidente della Società italiana di ricerca sull’educazione mediale (SIREM). Le sue ricerche si focalizzano sul rapporto fra motivazione e media digitali e sulle ricadute psico-pedagogiche dell’apprendimento online.