28 giugno 2013

Recensione: UOMINI E CANI di Omar Di Monopoli

Titolo: Uomini e cani
Autore: Omar Di Monopoli
Editore: Isbn
Pagine: 240
Anno di pubblicazione: 2013 
Prezzo copertina: 13,00 €


Recensione a cura di Beatrice Pagan


Omar Di Monopoli, grazie a uno stile asciutto e diretto, trasporta i lettori in un Sud ferito, dove la gente deve fare i conti con i boss locali e la povertà, mentre i politici sono impegnati a gettare le basi per il futuro senza provare a risolvere i drammi del presente.

Sarà infatti la decisione di creare un parco naturale in una salina a dare il via alla violenza e alla disperazione che tocca da vicino alcuni degli abitanti. Il giovane sindaco Enrico, che porta sulle spalle il peso della difficile eredità di un padre amato da tutta la cittadinanza, vuole essere ottimista e ipotizza per il comune di Languore attività turistiche e ricchezza. I soldi, ma non destinati alla collettività, animano anche le azioni di Don Titta Scarciglia che corrompe e ingaggia la famiglia Minghella per liberarsi di chi potrebbe causargli problemi. Un'ordinanza di demolizione fa perdere il controllo all'eremita Pietro Lu Sorgi che spara ai carabinieri giunti a consegnargliela. Dopo una relazione violenta con Santo, uno dei figli dei Minghella, Milena si è rifugiata dalla zia al nord ma ritorna per nostalgia, del padre e dei luoghi in cui è cresciuta. Nico ha invece perso ogni cosa e Buba è rimasto segnato profondamente dalle sue esperienze al fronte.

Uomini e cani è un romanzo duro, in cui la dimensione animalesca anima i cittadini di questo angolo del Salento dove la speranza sembra essere un lusso. Con atmosfere a metà tra la tragedia e il western, il libro si addentra nelle vite dei protagonisti e le intreccia tra loro creando una trama affascinante e incalzante in cui si assiste allo scontro tra natura e uomo, alla rassegnazione degli anziani e ai dilemmi dei giovani sospesi tra voglia di rinnovamento e inevitabile accettazione delle tradizioni.

Omar Di Monopoli descrive con realismo e crudezza tutto il marcio, ma lascia anche una porta aperta alla speranza grazie a personaggi come Milena e Nico, che riescono ancora a vedere la bellezza tra tanta desolazione e a voler provare a salvare qualcuno e qualcosa.

Il romanzo conquista grazie a un ritmo narrativo incalzante e le descrizioni essenziali ed efficaci che lo rendono una lettura impegnata ma scorrevole.

L'AUTORE
Omar Di Monopoli vive e lavora in Puglia, a Manduria. Dello stesso autore Isbn ha pubblicato anche Ferro e fuoco e La legge di Fonzi, che compongono – insieme a questo libro – una trilogia. Con Uomini e cani Di Monopoli ha vinto il premio letterario Edoardo Kihlgren.  

PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI