giovedì 12 novembre 2015

La recensione in anteprima di BUONE FESTE, ALEX CROSS, il nuovo thriller natalizio di James Patterson

Titolo: Buone feste, Alex Cross
Autore: James Patterson
Editore: Longanesi
Pagine: 260
Anno di pubblicazione: 2015 

Prezzo copertina: 16,40 €


Washington. Il famoso detective Alex Cross, dopo aver catturato un ladro di elemosine insieme al collega e amico John Simpson, si prepara a festeggiare la Vigilia di Natale con l'amata famiglia: la saggia e indomabile nonna novantenne Nana, l'adorata moglie Bree e i suoi tre figli. Il male, però, non santifica le feste, e Cross, sotto una bufera di neve, è costretto a tornare a lavoro. Prima per fermare un uomo disperato, ex-avvocato di grido caduto in disgrazia, che ha sequestrato la famiglia e minaccia di uccidere tutti: l'ex moglie, i loro tre figli, il nuovo marito della donna e una vicina (consorte di un importante politico).

Washington
Dopo per sventare un attentanto terroristico alla Union Station, la stazione centrale di Washington, dove l'affascinante Hala Al Dossari, medico per formazione e jihadista per scelta, ha deciso di mettere in atto il suo diabolico piano per punire gli "infedeli" proprio nel Santo Giorno. Riuscirà Cross a salvare gli ostaggi, fermare l'attentatrice e tornare sano e salvo dalla sua famiglia?

Morgan Freeman interpreta Alex Cross nel film "Il collezionista"
James Patterson è famoso in tutto il mondo per il personaggio di Alex Cross, detective, psicologo e padre di famiglia, che proprio in quest'ultima avventura si trova profondamente combattuto tra il desiderio di trascorrere le feste con la famiglia e il senso di dovere verso chi ha bisogno di lui. Astuto, perspicace, coraggioso e ligio al dovere, ma anche ironico e sensibile, Alex Cross è un personaggio difficile da non amare per i lettori. Così come nonna Nana, arzilla novantenne dolce e sarcastica, capace di affrontare ogni situazione con energie e amore. Patterson ci trascina nell'atmosfera natalizia della capitale americana sommersa dalla neve, e ci mostra i diversi volti della festa: da una parte la gioia e il calore della famiglia Cross; dall'altra la disperazione e la ferocia di chi è pronto a celebrare con il sangue la nascita del Signore.

"Dopo Nat King Cole, Mariah Carey intonò All I Want for Christmas Is You, e Jannie, Ava e Bree si misero a ballare. [...] Poi mi squillò il cellulare. Nemmeno la voce celestiale di Mariah riuscì a impedire che quel suono spegnesse di colpo tutta la gioia che si respirava nella stanza in quel momento."

Albero di Natale alla Union Station (Washington)
Il ritmo veloce, i capitoli brevi e il taglio cinematografico della narrazione rendono la letttura scorrevole e coinvolgente. Patterson si rivela ancora una volta un maestro del genere e ci regala una storia tesa e avvincente, resa ancora più suggestiva dall'atmosfera natalizia.

"Attraversando la città, guardavolo incredulo dal finestrino la quantità di neve caduta dalla sera prima: Washington sembrava essere stata investita da una valanga, ma sulle porte delle case c'erano ghirlande natalizie e alle finestre si vedevano gli abeti illuminati. Pareva che tutti avessero rinunciato a uscire e si preparassero a trascorrere la serata in casa, al caldo. Tutti tranne me, naturalmente."

L'AUTORE
James Patterson è uno dei più grandi autori di thriller e ha saputo conquistare ovunque un pubblico così vasto, da entrare nel Guinness dei primati per i suoi successi. È il creatore di personaggi famosissimi della narrativa di suspense come Alex Cross, il profiler cacciatore di serial killer, le «donne del club omicidi» e i ragazzi della serie di Maximum Ride. È l’autore più venduto al mondo, con 300 milioni di copie (oltre tre milioni e mezzo in Italia).  

Visti i numerosi riferimenti presenti nel romanzo, non posso che consigliarvi di abbinare la lettura con la visione di un film natalizio che risale al 2000: Il Grinch, diretto da Ron Howard.


PUOI ACQUISTARE LIBRO E DVD QUI

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

98 giorni 14 h 52 minuti 31 secondi
L’ANGOLINO