25 febbraio 2015

Intervista esclusiva a Lucinda Riley in occasione dell'uscita del suo ultimo romanzo "Le sette sorelle"

Lucinda Riley (foto di Astrid Waller)
Intervista a cura di Marika Bovenzi

Hello Lucinda, welcome to Libri&Cultura. We're honored to talk to you. You are an amazing and kind writer, helpful with readers. How is your relationship with your new and old fans? And how has your life changed since your books have been released? Ciao Lucinda, benvenuta su Libri&Cultura. Siamo onorati di poter parlare con te. Tu sei una straordinaria scrittrice, gentile e disponibile verso i lettori.
Com’è il tuo rapporto con i nuovi e vecchi fan? E quanto la tua vita è cambiata da quando i tuoi libri sono stati pubblicati? 

I have a wonderful relationship with my readers. I receive a lot of emails, tweets and messages on Facebook, and the occasional letter, and I feel so lucky. Every single one of them seems to be similar in the way that they look at life to me, they all seem to be optimistic and positive women. They range from young girls to women bringing up a family, but the one quality my readers all seem to share is that they believe that true love really does exist, even if sometimes circumstances mean it can’t work out. I wouldn’t say my life has changed much, because I still can’t quite believe it. I wrote ‘Il Giardino degli Incontri Segreti’ primarily for me and was amazed when it went on to achieve such huge worldwide success and sell millions of copies. To be honest, it still feels like a dream.

Ho un rapporto meraviglioso con i miei lettori, ricevo tante email, tweets e messaggi su Facebook e qualche lettera occasionale, e mi sento così fortunata. Ognuno di loro sembra essere simile a me nel modo in cui guardano verso la vita, e tutte sembrano essere donne positive e ottimiste. Si va dalle giovani ragazze alle donne che portano avanti una famiglia, ma c’è una qualità che tutti i miei lettori sembrano condividere, credono che l’amore vero esista davvero, anche se alcune circostanze a volte fanno si che non possa funzionare. Non vorrei dire che la mia vita è cambiata molto, perché io stessa ancora non riesco a crederci. Scrissi ‘Il Giardino degli incontri segreti’ soprattutto per me e sono rimasta stupita quando ha continuato ad avere un enorme successo in tutto il mondo e vendere milioni di copie. Sembra ancora un sogno.

Recently, it was published in Italy your book, called "Le sette sorelle”. Where does the idea for this book come from? Recentemente è stato pubblicato in Italia il tuo libro, intitolato "Le sette sorelle". Da dove è nata l’idea per questo libro?

In January 2013, I was searching for my next story but wanted to find an overarching angle to add another element to my past/present writing, something that would challenge and excite me – and my readers. I had always watched the stars – especially the Seven Sisters in the belt of Orion, and on that frosty night in North Norfolk , I looked up to the heavens, and, thinking also of our own seven children, came up with the idea for a seven book series based allegorically on the legends of the Seven Sisters constellation. For the first book, Maia’s Story, I was in Brazil promoting ‘Il Giardino degli Incontri Segreti’ and, having fallen in love with the country and its people, realised I had never read a book based there. I went up Corcovado Mountain to see ‘Christ the Redeemer’, stood in front of him and marvelled at the statue. I wondered what stories lay behind its construction almost a century ago. I began to investigate and heard about the mystery of whose hands were actually used as the model…

A gennaio 2013 ero alla ricerca della mia nuova storia, ma volevo trovare una prospettiva generale per aggiungere un nuovo elemento al mio passato\presente scritto, (qualcosa che mi avrebbe sfidata e eccitata) e ai miei lettori. Ho sempre guardato le stelle, specialmente le Sette Sorelle nella cintura di Orione, e in quella notte gelida in North Norfolk, alzai gli occhi al cielo e, pensando anche ai nostri sette figli, venne fuori l'idea di una serie di sette libri basati allegoricamente sulle leggende della costellazione delle Sette Sorelle. Per il primo libro, la Storia di Maia, ero in Brasile per promuovere ‘Il Giardino degli incontri segreti’ e mi sono innamorata del paese e della gente, realizzando poi di non aver mai letto di un libro ambientato li. Sono andata fino a Corcovado Mountain a vedere il 'Cristo Redentore', in piedi davanti a lui e meravigliata dalla statua. Mi chiedevo quali storie fossero legate alla sua costruzione circa un secolo prima. Cominciai ad investigare e sentii parlare del mistero delle mani utilizzate realmente come modello…

How was to create different characters, coming from different areas of the world? Com’è stato creare personaggi differenti, provenienti da diverse zone del mondo?

With all my books, it’s a location that sows the first seeds for a story. Then the characters begin to appear and start to subconsciously guide me along. I travel a lot and realise that everyone, no matter their nationality, feels love and other emotions in the same way.

Con tutti i miei libri, è una località che sparge i primi semi per una storia. Poi i personaggi cominciano a delinearsi e iniziano a guidarmi avanti inconsciamente. Viaggio molto e ho realizzato che tutti, non importa la loro nazionalità, provano amore ed altre emozioni allo stesso modo.

Who is the character of your books that best represents you? Qual è il personaggio del tuo libro che ti rappresenta meglio?

Aurora, from ‘Il Segreto della bambina sulla scogliera’ is a very special character for me. I wanted her to be other-worldly and almost dream-like, because the book explores and plays with the idea of the ‘fairytale’, on which most romantic fiction is based. But Aurora is also very practical, wise and forgiving - and she understands how precious life is. I suppose she represents two of the key themes in all my books: understanding and forgiving the mistakes of the past, and taking each day and living it to the full. While I never base a character entirely on a real person, there is undoubtedly more of ‘me’ in Aurora than in any other character I’ve written.

Aurora, da "Il segreto della bambina sulla scogliera" è un personaggio molto importante per me. Volevo che lei fosse di un altro mondo, quasi onirica perché il libro esplora e gioca con l'idea della 'favola', su cui si basa la maggior parte della narrativa romantica. Ma Aurora è anche molto pratica, saggia e tollerante, e capisce quanto sia preziosa la vita. Suppongo che lei rappresenti due dei temi chiave presenti in tutti i miei libri: comprensione e perdono degli errori del passato, accettare ogni giorno e vivere in pienezza. Mentre io non baso mai un personaggio interamente su una persona reale, c’è senza dubbio più di 'me' in Aurora che in qualsiasi altro personaggio che ho scritto.

Lucinda Riley (foto di Catherine Gonsholt Ighanian)
Can you tell us a bit about yourself? When she doesn’t writes, who's Lucinda? Puoi dirci qualcosa di te? Quando non scrive, chi è Lucinda?

My first and most important job is as a wife and mother to my four children. Two of them are now away at university, but the other two are still at home and at a local school. I miss them all when I’m away, and sometimes they have joined me when I am abroad promoting my books, which has been lovely. When I’m not actually writing, I spend a lot of time researching for the new book and this can take up a lot of time - reading, watching films and documentaries, and travelling. And I have always loved to read novels by authors I love, especially before I go to bed every night.

Il mio primo e più importante lavoro è da moglie e madre dei miei quattro figli. Due di loro sono ora lontani per l’università, ma gli altri due sono ancora a casa e frequentano la scuola locale. Mi mancano tutti quando sono via, e qualche volta mi hanno raggiunta quando ero lontana per promuovere i miei libri, ciò è stato affettuoso. Quando non scrivo realmente, trascorro molto tempo a ricercare per il nuovo romanzo, (questo mi porta via molto tempo), leggendo, guardando film e documentari, e viaggiando. E ho sempre amato leggere romanzi dei miei autori preferiti, specialmente prima di andare a letto di notte.

When you write, do you have any specific "ritual"? A special place in where to create, favorite songs to listen to, etc. Quando scrivi, hai qualche “ rituale” specifico? Un luogo speciale dove creare, canzoni preferite da ascoltare, etc.

When I know the story and have completed my research, I normally visit the country that I will write about, rent an apartment, or stay in a hotel, and soak up the atmosphere as I write the first draft of the book. And because I trained as a dancer and am very bad at sitting still, I use a dictaphone and tell the story into that whilst I’m moving around. I wouldn’t like to be sat at a desk all day and it also means I can act out all the characters. When writing I also have a strict timetable of drinks – English Breakfast tea in the morning, coffee at 11am, and rose wine from Provence at lunchtime!

Quando conosco la storia e ho completato le mie ricerche, normalmente visito il paese di cui poi scriverò, affitto un appartamento o alloggio in hotel, e mi godo l'atmosfera mentre scrivo la prima stesura del libro. E siccome mi sono allenata come ballerina e sono pessima a stare seduta, uso un dittafono per raccontare la storia mentre nel frattempo mi muovo in giro. Non mi piace stare seduta alla scrivania tutto il giorno e questo mi permette di far recitare tutti i personaggi. Durante la scrittura ho anche un rigoroso calendario di bevande - English Breakfast tè al mattino, caffè alle 11, e vino rosso di Provenza a pranzo!

Instead, as a reader, what genres you love to read? Who are your favorite authors? Invece, come lettrice, quali generi ami leggere? Chi sono i tuoi autori preferiti?

I have a few favourite authors. Most recently, Hilary Mantel, (Wolf Hall and Bring up the Bodies), Edith Wharton (The Custom of the Country), Evelyn Waugh (Brideshead Revisited) - and F. Scott Fitzgerald (The Great Gatsby) , whom I would have loved to meet, so he could tell me about the Jazz Age during which ‘Il Profumo della Rosa di Mezzanotte’ is set.

Ho pochi autori preferiti. Più di recente, Hilary Mantel, (Wolf Hall e Anna Bolena - Una questione di famiglia), Edith Wharton (L'usanza del paese), Evelyn Waugh (Ritorno a Brideshead) - and F. Scott Fitzgerald (Il Grande Gatsby), che ho avuto il piacere di conoscere, così che ha potuto raccontarmi dell’età del Jazz durante la quale ‘Il profumo della rosa di mezzanotte’ è ambientato.

What are your future plans? Are you already writing a new book? Quali sono i tuoi progetti futuri? Stai già scrivendo un nuovo libro?

I am writing a seven book series called ‘The Seven Sisters’ based loosely on the mythology surrounding the famous star constellation. I am very excited about this project and have been overwhelmed by the response to Book 1, also called ‘The Seven Sisters’. I have now finished writing Book 2, called ‘The Storm Sister’, which will be published in the UK /Commonwealth in November 2015. It tells Ally’s story. A talented sailor and musician, she falls in love with a man who competes in one of the world's deadliest sailing races, and tragedy strikes. This leads her to leave her old life on the water behind and follow the clue her father left her to Norway. There, she begins to discover her past – and the story of a young woman, Anna, who lived there over 100 years before – and her links to the composer Edvard Grieg and his world famous music set to Ibsen’s Peer Gynt poem. Please listen to Grieg’s ‘Morning Mood’- you should recognise it! I am just about to start writing Book 3, Star’s story, and I plan to finish it by early 2016.

Sto scrivendo una serie di sette libri intitolata "Le sette sorelle" liberamente ispirata alla mitologia che circonda la famosa costellazione delle stelle. Sono molto eccitata riguardo a questo progetto, e sono stata sopraffatta dal responso del primo libro, intitolato "Le sette sorelle". Ora ho completato il secondo libro, intitolato “The storm sister”, che verrà pubblicato in UK/Commonwealth a novembre 2015. Racconta la storia di Ally, una talentuosa marinaia e musicista che si innamora di un uomo che gareggia in una delle regate più letali al mondo, e la tragedia colpisce. Questo la porta a lasciarsi la sua vecchia vita in acqua alle spalle e seguire l'indizio che suo padre le ha lasciato in Norvegia. Lì, comincia a scoprire il suo passato - e la storia di una giovane donna, Anna, che vi abitò più di 100 anni prima - e il suo legame al compositore Edvard Grieg e il suo famoso set di musica nel poema Peer Gynt di Ibsen. Per favore, ascolta Grieg’s ‘Morning Mood’- dovresti riconoscerlo!



Ho appena cominciato a scrivere il terzo libro, la storia di Star, e ho pianificato di completarlo agli inizi del 2016.

Thank you Lucinda for giving us this opportunity. All your Italian fans are waiting for your next works. Grazie Lucinda di averci concesso questa opportunità. Tutti i tuoi fan italiani attendono il tuo prossimo libro. 
 
PUOI ACQUISTARE I LIBRI DI LUCINDA QUI

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...