venerdì 19 febbraio 2016

Sergio Bonelli presenta ZAGOR. IL RE DI DARKWOOD e DAMPYR. I MISTERI DI PRAGA - da febbraio in fumetteria e libreria

Comunicato Stampa
Pochi protagonisti dei fumetti vantano schiere di fedeli lettori come Zagor, un personaggio che con le sue avventure attraversa i generi e che è nato ormai più di cinquant’anni fa da Guido Nolitta (pseudonimo di Sergio Bonelli) con il fondamentale contributo grafico di Gallieno Ferri. E probabilmente pochi personaggi sanno ammaliare, coinvolgere e far pensare quanto il dampyr inventato da Mauro Boselli, quell’Harlan Draka, figlio di un vampiro e di una donna umana, che combatte la sua guerra quotidiana contro i mille volti delle forze del male. Così nel mese di febbraio Sergio Bonelli Editore pubblica a gran richiesta Zagor. Il Re Di Darkwood, un caposaldo della lunga saga di Zagor, la storia della sua vita raccontata dallo stesso Spirito con la Scure, e Dampyr. I misteri di Praga, il volume che ci conduce tra gli arcani e i segreti della città ceca vista dagli occhi del dampyr Harlan Draka. In Zagor. Il Re Di
Darkwood, in fumetteria dal 16 e in libreria dal 18 febbraio, veniamo trasportati in una malinconica giornata di pioggia, quando Cico trova casualmente il ritratto dei genitori di Zagor e spinge l'amico a narrargli il suo passato. Zagor, infatti, viveva con il padre e la madre in riva al torrente Clear Water, quando un giorno i Wilding furono attaccati dagli indiani Abenaki, guidati dal bianco Salomon Kinsky. Solo il piccolo Pat sopravvisse e a prendersi cura di lui fu da quel momento Wandering Fitzy, un ricco commerciante di Boston che aveva scelto di cambiare vita e di vivere nei boschi. Anche ora che è diventato adulto, Pat Wilding non riesce a placare la sua rabbia, ma vendicandosi scoprirà una terribile verità che cambierà per sempre la sua vita… Il mondo di Zagor è un fantastico contenitore di storie, popolato di nemici implacabili, minacce senza speranza, tradimenti e vendette, ingiustizie e torti da riparare che vengono a turbare il quotidiano tran tran del nostro eroe, che altrimenti trascorrerebbe una vita tranquilla nella rigogliosa foresta immaginaria di Darkwood, in compagnia del suo inseparabile amico Cico, pacioso, irascibile e pasticcione messicano dalla fame inestinguibile. In questo volume il racconto in prima persona del passato di Zagor rappresenta un lungo, sconvolgente viaggio sulle tracce della sua leggenda, fino alla nascita dello Spirito con la Scure.

La settimana seguente, il 23 febbraio in fumetteria e il 25 in libreria, arriva sugli scaffali anche Dampyr. I misteri di Praga di Mauro Boselli che ci condurrà per le vie di Mala Strana, lungo Ponte Carlo e le sponde della Moldava e tra le case di Vicolo d’Oro sulle tracce di Harlan Draka, il dampyr che combatte contro gli orrori, anche quelli nascosti nelle pieghe più riposte della realtà. Il suo indirizzo è in un luogo invisibile agli occhi umani: il “Teatro dei Passi Perduti” sull’Isola Kampa, a Praga. È qui che Harlan incontra l’ambiguo Nikolaus, assiduo frequentatore della birreria dell’Aquila Verde, e Caleb Lost, creatura misteriosa e angelica con le sembianze di un giovane David Bowie. E proprio questa città magica e leggendaria -mescolanza letteraria e fantastica di cultura slava, ebraica, tedesca e italiana- fa da sfondo, tra fantasmi, leggende, sculture in pietra, Golem, alchimisti, restauratori di libri rari e cliniche di antiche bambole, alle quattro avventure dal tono fantastico e onirico raccolte in questo volume e scritte da uno dei creatori della serie, Mauro Boselli. Il personaggio che Boselli ha inventato con Maurizio Colombo è un duro, a volte cinico e sarcastico, ma in fondo un idealista e un romantico che ha giurato di dedicare la propria vita alla lotta contro la stirpe delle tenebre. Imperdibili i disegni, ricchi di suggestioni mitteleuropee, realizzati da Luca Rossi e Nicola Genzianella, che firma anche la copertina inedita.

PUOI ACQUISTARE I LIBRI QUI

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

98 giorni 14 h 52 minuti 31 secondi
L’ANGOLINO