18 ottobre 2017

Recensione: Assassinio tra i druidi, di Christian Jacq

Titolo: Assassinio tra i druidi
Autore: Christian Jacq
 
Editore: TEA
Pagine: 276
Anno di pubblicazione: 2017
Prezzo copertina: 13,00 €


Recensione a cura di Marika Bovenzi

Christian Jacq torna nelle librerie italiane con un nuovo e adrenalinico caso del famoso ispettore Higgins, un uomo di alto lignaggio e di sorprendente cultura, che in età da pensione ha deciso di ritirarsi nel suo cottage in campagna. Lì, trascorre le giornate rileggendo i suoi taccuini colmi di casi speciali risolti per conto di Scotland Yard; collezionando vinili classici di Mozart e facendo lunghe passeggiate tra paesaggi verdeggianti e tranquilli. La sua vita potrebbe risultare monotona se non fosse che Scotland Yard si avvale ancora del
suo aiuto per i casi più preziosi. 

E proprio a tal proposito, la morte si affaccia su uno dei siti archeologici più importanti del mondo: Stonehenge, un luogo prego di mistero e paganesimo dove, in una notte d’estate, diversi gruppi di druidi si riuniscono per celebrare un rituale sotto la guida dell’arcidruido Glamorgan il rosso. Quando però il corpo senza vita di quest'ultimo viene ritrovato sul luogo del rituale, alcuni vociferano che si tratti di suicidio, altri di omicidio. Riuscirà Higgins a far luce su questo complesso caso?

Lo stile è come sempre diretto e caratterizza un linguaggio semplice e fluido. Per quanto riguarda le ambientazioni, mentre nel primo libro della serie, intitolato La maledizione di Tutankhamon, Christian Jacq trasportava il lettore tra bellissimi siti archeologici, sabbie, magnificenza e lussuose sepolture; nel secondo volume, non esita a farci scoprire le verdeggianti terre dello Wiltshire, e le sue maestose costruzioni neolitiche, da sempre oggetto di studi esoterici. Inoltre, non mancano cenni relativi al druidismo e ai rituali legati alla credenza. Personalmente, ho apprezzato tantissimo questo passaggio dalla cultura orientale a quella occidentale, entrambe accomunate in qualche modo da un mood iniziatico ed arcano e da luoghi archeologici antichissimi imbevuti di culture millenarie.

In conclusione, un libro da consigliare agli appassionati di gialli storici e, perché no, a chi nutre una forte passione per l’archeologia.

L'AUTORE

Christian Jacq ha raggiunto il successo mondiale con Il romanzo di Ramses, una saga pubblicata in 29 Paesi che ha battuto ogni record di vendita. Un caso editoriale straordinario, nato dalla sua passione per l’antico Egitto, dai suoi studi di archeologia e dalla sua strepitosa vena narrativa. Tutti elementi alla base anche del suo successo più recente, i quattro romanzi della serie di Setna, il figlio di Ramses. Ma tra i suoi successi si contano anche «Le indagini dell’ispettore Higgins», che per molti anni Jacq ha firmato con lo pseudonimo di J.B. Livingstone.

PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI